Lo stiletto per conquistare il mondo
I segreti del fascino di un tacco 12

Non molto tempo fa vi abbiamo raccontato la storia di Veronica Benini, blogger meglio nota col soprannome de La Spora, ma soprattutto maestra di tacchi a spillo. Questa affascinante donna, che si sta preparando a entrare nel mondo degli “–anta”, gira l’Italia offrendo, gratuitamente, corsi di portamento su tacchi 12. Del resto, per quanto possano essere uno strumento di tortura imposto dai canoni sociali ed estetici, i vantaggi di calzarli superano di gran lunga gli svantaggi: slanciano le gambe, elevano l’intera figura, inarcano la schiena e permettono al sedere di posizionarsi lì dove deve stare, consentendo una geometria più armonica delle forme femminili. E poi come negare il loro grande pregio “modaiolo”, e cioè che sono in grado di rendere unico e femminile ogni tipo di outfit, dalla gonna (corta o lunga) al tubino, dallo short sportivo ai jeans. I tacchi, inoltre, sono vere e proprie opere d’arte, curati nei minimi dettagli, disegnati da artisti del bello. Forse anche per questo il vero motivo per cui le donne amano indossarli va oltre l’estetica. Come spiega Veronica Benini, è una questione di autostima: «I tacchi mi hanno aiutata a sentirmi di nuovo donna, a stare meglio». Si mettono ai piedi ma è come se si posassero sul cuore, migliorando l’umore di chi li indossa e infondendo una sicurezza unica.

Tutto questo per dire che, in fondo, c’è una vasta gamma di buoni motivi per cui una donna accetta di buon grado mal di piedi e fatica pur di continuare ad indossare una scarpa col tacco. Ma, tra quelli fino ad ora elencati, ne manca uno, forse ancora più importante dei precedenti: la scarpa col tacco è sexy. Tremendamente sexy. E se fino ad ora c’era solo l’ultradecennale esperienza in materia di milioni di esponenti del gentil sesso, adesso c’è anche una ricerca scientifica a confermarlo.

 

 

Datemi un tacco e conquisterò il mondo. In Francia un gruppo di ricercatori s’è concentrato sulla materia in questione, realizzando uno studio teso a provare empiricamente il potere sessuale delle scarpe col tacco. Impresa riuscita: sulla rivista Archives of Sexual Behavior è stata pubblicata la ricerca svolta presso l’University of Bretagne, che ha provato il fascino sugli uomini dei tacchi. I ricercatori hanno chiesto a una serie di donne, tutte più o meno simili nell’aspetto e nell’età, di vestirsi nello stesso modo, ovvero camicia bianca e gonna. Unica differenza, le scarpe: alcune indossavano delle ballerine, le altre un tacco 12. Le protagoniste della ricerca hanno poi approcciato diversi uomini, di età compresa tra i 25 e i 50 anni, ponendogli alcune domande in merito ad un questionario sulle pari opportunità. Alla fine è stato calcolato che le donne che indossavano dei tacchi alti avevano fino all’83 percento di possibilità in più di convincere gli uomini a fermarsi e rispondere alle domande per circa 5 minuti. Decisamente peggio è andata alle signorine che vestivano le ballerine, che hanno avuto solamente il 47 percento di successo. I ricercatori hanno poi riproposto l’esperimento su un pubblico femminile, per capire se la presenza dei tacchi possa influenzare anche le altre donne. In questo caso solo il 33 percento delle fermate ha poi anche risposto alle domande del questionario.

 

 

Fascino e galanteria. Ma i ricercatori non si sono fermati qui. In una seconda fase dell’esperimento, infatti, è stato chiesto alle stesse donne di lasciar cadere un guanto per terra davanti ad alcuni uomini. Quanti avrebbero raccolto il guanto alla donna? E, soprattutto, a quali donne l’avrebbero raccolto? A quelle con il tacco o a quelle senza? Il risultato parla chiaro: il 93 percento degli uomini ha raccolto il guanto lasciato cadere da una donna che vestiva scarpe con tacchi alti, mentre solo il 62 percento lo ha raccolto a quelle con le ballerine. Il test in questione s’è svolto in un bar, dove i ricercatori hanno fatto sedere le indossatrici in punti strategici, con piedi e scarpe ben in vista. Un altro aspetto interessante di questo esperimento è il fatto che gli uomini hanno impiegato solamente 7.49 minuti per approcciare una donna con i tacchi alti, mentre ce ne sono voluti, in media, 13.54 minuti per approcciare una donna con le ballerine.

 

 

Sentirsi sexy. I ricercatori francesi hanno quindi dimostrato, empiricamente, che il tacco alto provoca un’innegabile attrazione negli uomini. Su questo incide non solo l’estetica, ma anche il fatto che indossare i tacchi alti modifica la camminata di una donna, rendendola più sinuosa nei fianchi. Ma non solo: come spiegato da Veronica Benini, il tacco non rende una donna più sexy solo all’occhio maschile, ma anche all’occhio del suo inconscio. Indossando un tacco 12, la donna si sente più affascinante, guadagna in autostima. Perché? Una spiegazione la dà Alma Cannì, beauty trainer con un passato da indossatrice, una laurea in Scienze della Comunicazione Internazionale ed esperienze lavorative in settori della bellezza. A suo parere, per capire il motivo per cui una donna si sente più sexy indossando un tacco a spillo, basta guardarla allo specchio mentre li indossa: con i tacchi, la donna assume una posizione “orgasmica”. «I tendini dei piedi sono inarcati e il collo del piede più accentuato – spiega Alma in un suo articolo su Taccopunta.it –. Quando la schiena si inarca, si abbassa il bacino e si percepisce una piccola e leggera apertura delle grandi labbra. A livello energetico lo emaniamo e il maschio lo percepisce, per questo “impazzisce” più quando la donna cammina sul tacco piuttosto che quando è seduta. Più alto è il tacco, più ci inarca e più energia sessuale sprigioniamo».

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.