La posta degli amori sfigati
Che tristezza amare col “copione”

Cara Alba,
Preciso subito che ti sto scrivendo per una scommessa. Un amico mi ha sfidato dicendo che non avrei mai avuto il coraggio di raccontarti ciò che, di solito, racconto a lui. Siccome sono il tipo di uomo che si esalta davanti alle sfide, eccomi qua. A dirti che sono arrivato a un livello di saturazione del genere femminile. Per mia fortuna, non ho mai avuto problemi con voi donne. Piaccio, e visto che voi piacete a me, mi sono sempre “dato da fare”. Il problema è un altro: difficilmente trovo una donna che sia in grado di darmi qualcosa in più. Con qualsiasi ragazza io esca, il copione si svolge sempre nello stesso modo. Un buon copione, sia chiaro, anche appagante, ma che sul lungo annoia. Negli ultimi giorni ho fatto anche una specie di test: sono uscito con due donne diverse (sia per età che per stili di vita) e ho fatto con entrambe le stesse cose per vedere dove si sarebbero differenziate. Risultato: potevo sovrapporre i “filmati” e non si sarebbe notata alcuna differenza. Ora, sarei falsamente modesto nel dire che la cosa mi dispiaccia (piacere a voi donne, intendo), ma il problema è un altro: mi sto stancando. Vi lamentate sempre degli uomini, eppure anche voi non è che siate poi così tanto diverse…
Davide

Caro Davide,
siccome sono una signorina educata, non ti rispondo come meriteresti. E dal momento che sono il tipo di donna che sbadiglia davanti alle sfide, procedo con il consueto spiegone. Un signore di media intelligenza, Einstein, diceva: se farai sempre le stesse cose avrai sempre gli stessi problemi. E se parli della tua vita sentimentale o del genere femminile come di un copione, il tuo approccio è inevitabilmente artificiale, annoiato, privo di fantasia, privo di autenticità. Se fai dei “test” e ti approcci all’Amore (Davide, l’Amore, A maiuscola) con l’approccio del file Excel, mi chiedo in cosa consista la sfida che dici che tanto ti esalta e, onestamente, cosa vai trovando. Se vuoi essere smentito nelle tue automillantate verità, ti consiglio di dedicarti con l’approccio del documentarista ad altre faccende della vita, perché in zona Cupido starai sempre a mani vuote. L’Amore comanda, non si concede a chi pretende di averlo capito come te, ti fa i dispetti finché non ti arrendi, oppure ti lascia nella tue convinzioni, ma solo. Su una cosa sono d’accordo: noi donne non siamo né diverse né migliori. Alcune, infatti, continuano a frequentare uomini come te: il copione.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.