West Ham: 40 milioni per Zapata
ma l’Atalanta risponde picche

Un’Atalanta così forte da impressionare tutto il campionato, piombando addirittura a ridosso della zona Champions League, esalta Duvan Zapata, neocapocannoniere insieme con Cristiano Ronaldo e Quagliarella. Lo esalta a tal punto che il West Ham, alla ricerca del sostituto di Arnautovic, allettato dalla prospettiva di essere coperto d’oro per andare in Cina (anche se oggi la trattativa con il Guangzhou Evergrande ha subito una frenata), è pronto a offrire 40 milioni per il bomber di Gasperini. Da Bergamo si è subito sentito rispondere picche. Zapata è incedibile, come Mancini e Gomez.

Zapata è l’acquisto più costoso nell’intera storia nerazzurra (12 milioni subito alla Samp, altri 14 milioni quando verrà riscattato nel 2020) e, come confermano le cronache odierne, mai investimento è stato più felice per una grande società qual è l’Atalanta, a tutti gli effetti. Due anni fa, di questi tempi, Gagliardini diventava interista. A seguire, nel caso del tempo sono partiti Kessie, Conti, Kurtic, Petagna, Caldara e Spinazzola. Eppure, Gasperini è stato capace di costruire una nuova Atalanta, se possibile ancora più forte di quella che nel 2017 ha centrato lo storico quarto posto e, nella stagione successiva, è stata protagonista della splendida campagna europea nonché del settimo posto che l’ha portata ai preliminari di questa Europa League.

Come sia andata, ai rigori a Copenaghen, lo sappiamo. Così come sappiamo che, superati i contraccolpi di quella delusione, l’Atalanta è riesplosa in modo eclatante. Miglior attacco del campionato dopo venti giornate (undici gol nelle ultime due gare del torneo); Zapata capocannoniere; Gomez irresistibile nel nuovo ruolo ritagliato dal tecnico sui panni dell’argentino; Ilicic ai livelli che gli conosciamo; Mancini difensore cannoniere che, a Frosinone, ha segnato il quinto gol personale di una stagione che l’ha lanciato in orbita. Il 2019 è cominciato benissimo. Ma, ripetendo lo slogan che Bergamopost coniò agli albori del 2017, anche quest’anno il meglio deve ancora venire. Viva Zapata.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.