La Nube (lettura sulla sorte)

Cesare Pavese (Santo Stefano Belbo, 1908 – Torino, 1950) ha scritto i Dialoghi con Leucò tra il 1945 e il 1947. Leucò è la ninfa Leucotea e Leucotea, in quegli anni, era Bianca Garuffi. I Dialoghi ripropongono i miti del mondo greco-romano, interrogandoli sulla sorte e sul destino, sulla morte, sulla necessità della trasformazione. Il Dialogo che segue è il primo del volume. A interloquire sono la Nube, Nefele, e Issione, l’uomo. C’è una legge nuova, stabilita dagli dei. Lei, la nube, ha paura per l’uomo, ma l’uomo non è abbastanza saggio per averne.

 

Che Issione finisse nel Tartaro per la sua audacia, è probabile. Falso invece che generasse i Centauri dalle nuvole. Costoro eran già un popolo al tempo delle nozze di suo figlio. Lapiti e Centauri escono da quel mondo titanico, in cui era consentito alle nature più diverse di mischiarsi, e spesseggiavano quei mostri contri i quali l’Olimpo sarà poi implacabile.

(Parlano la Nube e Issione)

LA NUBE. C’è una legge, Issione, cui bisogna ubbidire.

ISSIONE. Quassù la legge non arriva, Nefele. Qui la legge è il nevaio, la bufera, la tenebra. E quando viene il giorno chiaro e tu ti accosti leggera alla rupe, è troppo bello per pensarci ancora.

LA NUBE. C’è una legge, Issione, che prima non c’era. Le nubi le aduna una mano più forte.

ISSIONE. Qui non arriva questa mano. Tu stessa, adesso che è sereno, ridi. E quando il cielo s’oscura e urla il vento, che importa la mano che ci sbatte come gocciole? Accadeva già ai tempi che non c’era padrone. Nulla è mutato sopra i monti. Noi siamo avvezzi a tutto questo.

LA NUBE. Molte cose son mutate sui monti. Lo sa il Pelio, lo sa l’Ossa e l’Olimpo. Lo sanno monti più selvaggi ancora.

ISSIONE. E che cosa è mutato, Nefele, sui monti?

LA NUBE. Né il sole né l’acqua, Issione. La sorte dell’uomo, è mutata. Ci sono dei mostri. Un limite è posto a voi uomini. L’acqua, il vento, la rupe e la nuvola non son più cosa vostra, non potete più stringerli a voi generando e vivendo. Altre mani ormai tengono il mondo. C’è una legge, Issione.

ISSIONE. Quale legge?

LA NUBE. Già lo sai. La tua sorte, il limite…

ISSIONE. La mia sorte l’ho in pugno, Nefele. Che cosa è mutato? Questi nuovi padroni posson forse impedirmi di scagliare un macigno per gioco? O di scendere nella pianura e spezzare la schiena a un nemico? Saranno loro più terribili della stanchezza e della morte?

LA NUBE. Non è questo, Issione. Tutto ciò lo puoi fare e altro ancora. Ma non puoi più mischiarti a noialtre, le ninfe delle polle e dei monti, alle figlie del vento, alle dee della terra. È mutato il destino.

ISSIONE. Non puoi più… che vuol dire, Nefele?

LA NUBE. Vuol dire che, volendo far questo, faresti invece delle cose terribili. Come chi, per carezzare un compagno, lo strozzasse o ne venisse strozzato.

ISSIONE. Non capisco. Non verrai più sulla montagna? Hai paura di me?

LA NUBE. Verrò sulla montagna e dovunque. Tu non puoi farmi nulla, Issione. Non puoi far nulla contro l’acqua e contro il vento. Ma devi chinare la testa. Solamente così salverai la tua sorte.

ISSIONE. Tu hai paura, Nefele.

LA NUBE. Ho paura. Ho veduto le cime dei monti. Ma non per me, Issione. Io non posso patire. Ho paura per voi che non siete che uomini. Questi monti che un tempo correvate da padroni, queste creature nostre e tue generate in libertà, ora tremano a un cenno. Siamo tutti asserviti a una mano più forte. I figli dell’acqua e del vento, i centauri, si nascondono in fondo alle forre. Sanno di essere mostri.

ISSIONE. Chi lo dice?

LA NUBE. Non sfidare la mano, Issione. È la sorte. Ne ho veduti di audaci più di loro e di te precipitare dalla rupe e non morire. Capiscimi, Issione. La morte, ch’era il vostro coraggio, può esservi tolta come un bene. Lo sai questo?

ISSIONE. Me l’hai detto altre volte. Che importa? Vivremo di più.

LA NUBE. Tu giochi e non conosci gli immortali.

ISSIONE. Vorrei conoscerli, Nefele.

LA NUBE. Issione, tu credi che sian presenze come noi, come la Notte, la Terra o il vecchio Pan. Tu sei giovane, Issione, ma sei nato sotto il vecchio destino. Per te non esistono mostri ma soltanto compagni. Per te la morte è una cosa che accade, come il giorno e la notte. tu sei uno di noi, Issione. Tu sei tutto nel gesto che fai. Ma per loro, gli immortali, i tuoi gesti hanno un senso che si prolunga. Essi tastano tutto da lontano con gli occhi, le narici, le labbra. Sono immortali e non san vivere da soli. Quello che tu compi o non compi, quel che dici, che cerchi – tutto a loro contenta o dispiace. E se tu li disgusti – se per errore li disturbi nel loro Olimpo – ti piombano addosso, e ti danno la morte – quella morte che loro conoscono, ch’è un amaro sapore che dura e si sente.

ISSIONE. Dunque si può ancora morire.

LA NUBE. No, Issione. Faranno di te come un’ombra, ma un’ombra che rivuole la vita e non muore mai più.

ISSIONE. Tu li hai veduti questi dei?

LA NUBE. Li ho veduti … O Issione, non sai quel che chiedi.

ISSIONE. Anch’io ne ho veduti, Nefele. Non sono terribili.

LA NUBE. Lo sapevo. La tua sorte è segnata. Chi hai visto?

ISSIONE. Come posso saperlo? Era un giovane, che traversava la foresta a piedi nudi. Mi passò accanto e non mi disse una parola. Poi davanti a una rupe scomparve. Lo cercai a lungo per chiedergli chi era – lo stupore mi aveva inchiodato. Sembrava fatto della stessa carne tua.

LA NUBE. Hai veduto lui solo?

ISSIONE. Poi in sogno l’ho rivisto con le dee. E mi parve di stare con loro, di parlare e di ridere con loro. E mi dicevano le cose che tu mi dici, ma senza paura, senza tremare come te. Parlammo insieme del destino e della morte. Parlammo dell’Olimpo, ridemmo dei ridicoli mostri…

LA NUBE. O Issione, Issione, la tua sorte è segnata. Adesso sai cos’è mutato sopra i monti, e anche tu sei mutato. E credi di essere qualcosa più di un uomo.

ISSIONE. Ti dico, Nefele, che tu sei come loro. Perché, almeno in sogno, non dovrebbero piacermi?

LA NUBE. Folle, non puoi fermarti ai sogni. Salirai fino a loro. Farai qualcosa di terribile. Poi verrà quella morte.

ISSIONE. Dimmi i nomi di tutte le dee.

LA NUBE. Lo vedi che il sogno non ti basta già più? E che credi al tuo sogno come fosse reale? Io ti supplico, Issione, non salire alla vetta. Pensa ai mostri e ai castighi. Altro da loro non può uscire.

ISSIONE. Ho fatto ancora una altro sogno questa notte. C’eri anche tu, Nefele. Combattevamo coi Centauri. Avevo un figlio ch’era il figlio di una dea, non so quale. E mi pareva quel giovane che traversò la foresta. Era più forte anche di me, Nefele. I centauri fuggirono, e la montagna fu nostra. Tu ridevi, Nefele. Vedi che anche nel sogno, la mia sorte è accettabile.

LA NUBE. La tua sorte è segnata. Non si sollevano impunemente gli occhi a una dea.

ISSIONE. Nemmeno a quella della quercia, la signora delle ciem?

LA NUBE. L’una o l’altra, Issione, non importa. Ma non temere. Starò con te fino alla fine.