I baby Champions della Dea
dai bambini della pediatria

Atalanta e Amici della Pediatria, una bella storia che arriva dall’ospedale Papa Giovanni. Con un’appendice curiosa, perché a pochi metri da dove i ragazzi della Primavera di Brambilla e il presidente Antonio Percassi salutavano i bimbi dell’ospedale cittadino, il centrocampista ucraino Ruslan Malinovskyi accompagnava e assisteva la moglie Roksana che dava alla luce la piccola Olivia. È stato un mercoledì emozionante in casa nerazzurra, per una volta non sul prato verde di uno stadio ma nelle corsie di un ospedale.

 

 

Atalanta: 20.500 euro per gli Amici della Pediatria. Una bella iniziativa proposta e promossa dalla Uefa che Atalanta ha sposato con entusiasmo. Le squadre partecipanti alla Youth League sono state coinvolte in un evento di beneficenza nei confronti di una associazione scelta dalla propria società di appartenenza e l’Atalanta ha optato per l’Associazione Amici della Pediatria onlus che presta la sua opera di volontariato nelle corsie pediatriche dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII, eccellenza bergamasca riconosciuta a livello europeo. Una scelta che dà continuità al percorso che Atalanta e Amici della Pediatra hanno intrapreso ormai da una decina d’anni e che coinvolge non solo la Prima squadra, con visite in reparto a Natale e Pasqua, ma anche la Primavera e più in generale il Settore Giovanile nerazzurro con la partecipazione all’evento “A merenda con lo Sport” proposta ormai da ormai otto edizioni. L’evento di consegna dell’assegno di beneficenza si è tenuto al Papa Giovanni, a guidare la delegazione atalantina c’erano il responsabile del settore giovanile Maurizio Costanzi e il presidente Percassi oltre ad una nutrita rappresentanza di giocatori della Primavera con i tecnici Brambilla e Bellini. L’importo base dell’offerta di 500 euro fissato per tutte le squadre dalla Uefa è stato “ritoccato” dal presidente fino alla ragguardevole quota di 20.500 euro.

 

 

I ragazzi in reparto e Malinovskyi in sala parto. Subito dopo il saluto con i vertici del nosocomio cittadino e dell’Associazione Amici della Pediatria (a fare gli onori di casa il direttore generale Maria Beatrice Stasi insieme al direttore sanitario Fabio Pezzoli, al direttore della Pediatria Lorenzo D’Antiga e al presidente degli Amici della Pediatria Milena Lazzaroni), giocatori e staff della Primavera hanno salutato alcuni bimbi presenti in reparto e le emozioni sono state forti. Per un curioso scherzo del destino, nella vicina zona delle sale parto c’era Ruslan Malinovskyi, esentato dal primo impegno con l’Ucraina contro l’Estonia per assistere alla nascita della figlia Olivia. La piccola ha visto la luce alle 15.55 di ieri pomeriggio e l’annuncio è arrivato in serata dal profilo Instagram della moglie Roksana: nelle foto pubblicate si vede papà Ruslan mentre tiene in braccio la piccola.

 

 

Squadra in campo, presentato ricorso per Ilicic. I reduci dalle Nazionali intanto hanno ripreso a lavorare a Zingonia, il gruppo è ridotto all’osso (sono tredici i convocati sparsi per il mondo) ma al Centro Bortolotti si è già rivisto Freuler che ha dovuto lasciare il ritiro della Svizzera per il problema muscolare che già lo aveva costretto al forfait contro la Sampdoria. Il gruppo agli ordini di Gasperini si allenerà anche oggi pomeriggio, subito dopo la presentazione della nuova palazzina del settore giovanile intitolata a Mino Favini.
La società, intanto, ha fatto sapere che è stato presentato ricorso contro la squalifica di due giornate a Ilicic. Cacciato dal campo per il fallo di reazione contro il difensore del Cagliari Lykogiannis, lo sloveno attende di conoscere l’esito di questo ricorso per capire se potrà o meno essere a disposizione nella gara interna con la Juventus di sabato 23 novembre. Per Gasperini sarebbe un’ottima notizia considerando che mancherà anche Malinovskyi dopo la doppia ammonizione di Genova.