Battere la Spal (poi il Milan)
E biglietto e zaino per Firenze

L’importanza della gara con la Spal, i rinnovi di uomini cardine come Ilicic e la situazione biglietti in vista della semifinale di andata di Coppa Italia contro la Fiorentina in trasferta del prossimo 27 febbraio. Giornata di allenamento per la squadra di Gasperini quella di giovedì, il gruppo ha lavorato a Zingonia e in serata i giocatori sono stati a cena in gruppo in un locale di Cavenago: la testa di tutti è per la sfida alla Spal.

 

 

Milan? Più importante battere la Spal. Probabilmente nell’immaginario collettivo dei tifosi la sfida di sabato 16 febbraio con il Milan è quella più attesa e magari considerata decisiva, visto che i rossoneri sono ad appena un punto. Ma la vittoria della Lazio di giovedì sera con l’Empoli dimostra che, prima di tutto, bisogna pensare a fare i punti con le squadre che lottano per non retrocedere. La continuità del cammino è uno dei segreti per raggiungere determinati obiettivi, nella singola partita può succedere di tutto, ma se hai l’approccio giusto e continui a macinare calcio i risultati poi ti premiano.

Presentarsi ad Atalanta–Milan con un punto solo di distacco lascerebbe comunque ai nerazzurri la possibilità di giocare con due obiettivi su tre (vittoria e pareggio) che risulterebbero soddisfacenti: la sera del 16 febbraio si potrebbe essere davanti ai rossoneri oppure a una sola lunghezza (ammesso che anche il Mian batta il Cagliari), ma l’importante in questa fase è restare agganciati magari distanziando ancora quelle che inseguono. Anche perché, con Inter, Milan, Lazio e Roma, la Dea è messa benissimo negli scontri diretti e il fatto di aver il miglior attacco di tutta la serie A regala un altro piccolo vantaggio.

 

 

Ilicic ha rinnovato, mese importante su questo fronte. È una bellissima notizia, intanto, che lo sloveno Josip Ilicic abbia rinnovato il suo contratto con l’Atalanta fino al 2022. Il precedente accordo era valido fino al 30 giugno 2021 e questa mossa della società (se ne parlava ormai da un po’ di tempo) va nel segno della continuità. Manca ancora l’annuncio ufficiale, ma dai rumors ormai non ci sono più dubbi. Il prolungamento di Ilicic è solo l’ultimo di una serie che nelle ultime settimane ha visto la Dea rinsaldare e prolungare i rapporti anche con altri calciatori. Il belga Castagne, l’albanese Djimsiti, lo svizzero Freuler e l’argentino Palomino hanno rinnovato, il prossimo dovrebbe essere il brasiliano Toloi e in attesa di ulteriori conferme anche ufficiali (l’Atalanta normalmente non annuncia mai questo tipo di operazioni) è giusto sottolineare come la linea della società sia quella di blindare i suoi uomini importanti in un mercato che troppo spesso si agita per i nomi alternativi e i nuovi arrivi, e quasi mai apprezza e sottolinea il rinnovo degli accordi.

 

 

Fiorentina–Atalanta, le ultime sui biglietti. Da un paio di giorni sono ufficiali le date e i prezzi dei biglietti per la super sfida di semifinale di Coppa Italia in programma il prossimo 27 febbraio a Firenze. Per il settore ospiti ci sono 2.400 tagliandi, la vendita inizierà il giorno di San Valentino, ma per il momento è indicata solo la possibilità di acquisto per i possessori di Dea Card. La verità è che nel comunicato della Fiorentina è scritto chiaramente che non ci sono limitazioni determinate dall’Osservatorio e che in attesa di queste eventuali comunicazioni si parte con la vendita per i fidelizzati nerazzurri.

Per la sfida in campionato dello scorso 30 settembre le cose sono andate più o meno nello stesso modo e alla fine la trasferta era libera con possibilità di acquisto per i non tesserati (è il caso degli ultras della Curva Pisani) negli ultimi due giorni prima della partita. Questa volta però è diverso e nei prossimi giorni sono attese novità: impensabile che per una gara così importante venga così tanto penalizzata una parte della tifoseria nerazzurra: giusto che tutti (all’andata e al ritorno) possano godersi la partita. E che vinca la migliore.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.