Il Bocia nuovamente assolto
Lo aspettiamo tutti in Curva

Iniziano le partite ufficiali, i decibel del mercato si abbassano un po’ e per un paio di giorni si torna a parlare di calcio giocato. Ma, soprattutto, c’è (l’ennesima) assoluzione del Bocia per la presunta violazione della sorveglianza speciale nell’estate del 2016: il giudice ha deciso che «il fatto non sussiste». Intanto nel pomeriggio di oggi partono gli ottavi di finale di Coppa Italia, l’Atalanta scenderà in campo lunedì alle 17.30 a Cagliari contro i sardi e nella marcia di avvicinamento alla partita il tecnico Gasperini sta perdendo qualche pezzo. Ad oggi, gli assenti sono quattro e solo Berisha può cercare un recupero lampo almeno per la panchina.

 

 

Bocia assolto, striscione fuori dallo stadio. Ieri mattina è stat diffusa la notizia che il Bocia, cioè Claudio Galimberti, è stato assolto dall’accusa di violazione della sorveglianza speciale quando nel luglio 2016 partecipò alla presentazione della squadra allo stadio di Bergamo. Senza entrare troppo nei meandri giuridici della vicenda, la decisione presa è che «il fatto non sussiste», con una serie di riferimenti normativi al fatto che, in assenza di partite o eventi ufficiali, non si può far pesare su un sorvegliato speciale il divieto assoluto di partecipare a feste o manifestazioni simili. Sui social la notizia è rimbalzata di pagina in pagina, di profilo in profilo, e ha ricevuto molti commenti positivi da parte dei tifosi della Curva. In serata invece, sulla cancellata dello stadio di Bergamo, è stato esposto un lungo striscione che richiama alla decisione e chiede il ritorno del Bocia allo stadio: «Il fatto non sussiste, di nuovo assolto. Ma quanto tempo ancora per riaverlo qui?» è il testo scritto sul drappo bianco firmato Curva Nord, un messaggio molto diretto che vedremo quali sviluppi potrà avere.

De Roon, Gosens e Masiello sono out. Berisha è reduce da un problema gastrointestinale, nel report di ieri viene segnato tra i giocatori che non si sono allenati con i compagni e al massimo sembra che possa andare in panchina nella sfida contro il Cagliari. Dal canto suo, de Roon continua con il lavoro personalizzato e il recupero dal problema alla caviglia subìto a Genova dopo il brutto intervento di Romero è quasi completato ma è ormai chiaro che sarà nuovamente tra i convocati solo dalla trasferta di Frosinone. Le altre due situazioni che restringono le possibili scelte di Gasperini in Coppa Italia sono la squalifica di Masiello (era stato ammonito nella semifinale di ritorno dell’anno passato e poi fermato per un turno) e il piccolo fastidio accusato dal tedesco Gosens. Si tratta di una vecchia cicatrice che provoca qualche noia, il numero 8 nerazzurro ha svolto una seduta differenziata e non farà parte della spedizione che domani, dopo la rifinitura, lascerà Bergamo alla volta del capoluogo sardo.

 

 

Le partite in programma. Le gare in programma in questo turno di Coppa Italia (ottavi di finale) prevedono alcune sfide molto equilibrate e interessanti, ma anche altre decisamente sbilanciate a favore di una delle due contendenti. Si parte oggi alle 15 con Lazio-Novara, alle 18 è il turno di Sampdoria-Milan, mentre alle 20.45 è in programma Bologna-Juventus, gara che interessa anche la Dea visto che da questa sfida uscirà il prossimo eventuale avversario nei quarti. Domani (domenica 13) alle 15 scendono in campo Torino e Fiorentina sul campo dello stadio Grande Torino, alle 18 c’è Inter-Benevento mentre alle 20.45 tocca a Napoli e Sassuolo. Nella giornata di lunedì, Atalanta in campo a Cagliari contro i sardi (fischio d’inizio alle 17.30) e Roma-Virtus Entella chiuderà il programma alle 20.30. Per tutti, vale la stessa regola già applicata anche in questi ottavi di finale: se ai quarti si affrontano due squadre di serie diverse o delle prime otto di Serie A dell’anno scorso, si gioca in casa di quella con il numero di sorteggio più basso (quindi, ad esempio, Atalanta-Juventus si giocherebbe a Bergamo). In altro caso, via al sorteggio.

Mercato, per Defrel partita a scacchi. Sul mercato è stata una giornata di attesa. Per Defrel la Samp sta facendo un po’ di resistenza ma la situazione è in evoluzione e bisogna avere pazienza: il ragazzo piace molto a Zingonia e la stima è contraccambiata dallo stesso puntero francese. Per il resto poche novità, con la società che ha ribadito con forza l’incedibilità di Palomino per una difesa che a gennaio non verrà toccata proprio per lasciare in mano a Gasperini una squadra il più possibile competitiva nella corsa all’Europa.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.