Certo, Zapata e Gosens in gol
ma grandi Gollini e Mancini

Segnano Gosens e Zapata, ma i migliori in campo, per distacco, sono Mancini e Gollini, che soprattutto nel secondo tempo hanno risposto colpo su colpo alla Sampdoria. Il grande merito? Per una squadra che spesso veniva accusata di aver parecchi problemi in difesa, questa risposta di reparto è davvero la nota più lieta di giornata.

 

 

Gollini 8,5: quasi inoperoso per tutto il primo tempo, al 41’ è bravissimo a respingere un destro non facile di Linetty e, dopo aver solo intuito il rigore di Quagliarella, è fenomenale all’88’ sul colpo di testa di Ekdal che toglie dall’angolino: finalmente abbiamo trovato un grande portiere?

Mancini 8,5: mostruoso. Parte molto bene in anticipo sugli avversari che gli capitano a tiro, al 40’ è lui a mettere sulla testa di Zapata un bel pallone a giro che finisce sul fondo e per tutto il secondo tempo ogni volta che spunta un piede o una testa in anticipo, ha sempre scritto 23 sulla schiena. Prestazione enorme.

Djimsiti 7,5: sempre in buona posizione per tutto il primo tempo, nella ripresa continua a farsi valere nel cuore dell’area di rigore e anche nella baraonda finale è sempre presente di testa.

Masiello 7,5: si conferma affidabile e davvero in palla. Per tutto il primo tempo dalle sue parti succede pochino e anche nella ripresa è sempre bravo, sia in anticipo che nella giocata a liberare l’area. Pedina preziosissima a disposizione del tecnico.

 

 

Hateboer 7,5: arriva spessissimo sul fondo già nel primo tempo, al 31’ mette dentro per Zapata un pallone interessante e al 33’ mette sul fondo da calcio d’angolo. Al 48’ serve a Gosens un pallone splendido, si ripete in occasione del gol del 2-1 anche se Audero gli leva l’assist al fantacalcio: altra ottima prestazione.

Freuler 8: grande lavoro a supporto dell’azione offensiva fin dall’inizio, gioca fino al 96’ una gara da urlo e nel cuore della manovra è bravo a non perdere mai la bussola.

De Roon 8: sembrano in due con il numero 15 sulle spalle per tutto il primo tempo, anche nella ripresa si conferma formidabile in fase di rottura e di riproposizione dell’azione offensiva. FInisce addirittura in crescendo.

Gosens 8: sulla sinistra è subito molto ficcante nonostante ci sia parecchio traffico, al 48’ colpisce in spaccata un palo clamoroso su assist di Hateboer, si riscatta al 78’ con un sinistro vincente su cross dello stesso olandese ma deviato da Audero. Fino alla fine è una spina nel fianco dei liguri. (94’ Palomino sv).

Gomez 6: gioca un sacco di palloni, nel primo tempo non trova il pertugio giusto ma è nel vivo del gioco e al 47’ è bravo a pescare in area Ilicic che calcia su Audero; davvero molto ingenuo su Ramirez al 65’ quando è in anticipo ma lo affossa con le braccia. Peccato, errore grave. (72’ Pasalic 6,5: entra molto bene in campo, il voto è positivo ma condizionato da un paio di errori al tiro che potevano chiudere la gara in anticipo).

 

 

Ilicic 7,5: parte bene, subito un destro e un paio di pressioni molto interessanti che confermano come sia ampiamente dentro alla partita. Al 47’ calcia su Audero il grande assist di Gomez, al 50’ serve splendidamente Zapata in area e fino alla fine è una mina vagante per gli avversari. (87’ Castagne sv).

Zapata 7,5: lotta fin dalle prime battute contro Andersen. Prima bella occasione al 31’ su assist di Hateboer, al 40’ il suo colpo di testa passa a un palmo dall’incrocio dei pali e in avvio di ripresa si sblocca su grande assist di Ilicic nonostante la carica di Andersen (fanno 17 gol in campionato). Prende un’ammonizione evitabile nel finale, gara molto positiva.

Gasperini 8: l’Atalanta è una macchina da calcio, la vittoria di Genova è strameritata e il voto sarebbe molto più alto se non fosse per quel mezzo gesto in occasione dell’espulsione che lo vede protagonista di un contatto con un uomo della Sampdoria appena prima di imboccare il tunnel degli spogliatoi. Avanti mister.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.