Cigarini e Spinazzola
con il Pisa finisce 2-0

Prima gara ufficiale della stagione e subito vittoria per l’Atalanta. Contro il Pisa finisce 2-0, decisive le reti di Cigarini e Spinazzola, ma è giusto sottolineare l’ottima prova corale dei nerazzurri che non rischiano nulla e creano anche i presupposti per segnare qualche gol in più. Sugli scudi gli esterni, strepitosa la prova dal punto di vista fisico di Zappacosta e Dramè ma molto buoni anche gli ingressi di Boakye e Bianchi che garantiscono in avanti soluzioni nuove che saranno molto preziose.

Dopo il commosso ricordo di Renzo Cividini (46 anni al servizio dell’Atalanta come massaggiatore) la gara inizia. Colantuono conferma le indiscrezioni della vigilia e manda in campo la stessa Atalanta vista contro il Chievo solo sette giorni prima. I nerazzurri partono senza alcuna difficoltà nell’impostazione della manovra e al 9’ lo 0-0 è già un ricordo. La percussione centrale di Cigarini trova la sponda di Denis e il velo di Bonaventura, sulla conclusione ravvicinata Pelagotti è bravissimo, ma l’estremo del Pisa non può nulla sul tocco ravvicinato dello stesso numero 21 emiliano.

Nell’occasione il tecnico ospite Braglia viene cacciato, protestava per un fuorigioco, e nei minuti successivi la squadra di Colantuono legittima il vantaggio con almeno tre limpide occasioni per il raddoppio. Al 20’ grande azione palla a terra sulla sinistra, Maxi entra in area e cerca il destro a colpo sicuro trovando ancora Pelagotti pronto al miracolo: Bonaventura ribatte in gol da due passi ma stavola l’off-side è lampante e viene sbandierato.

Denis (22’) di testa cerca la torsione sul cross di Bonaventura, Benalouane (39’) rischia di smontare il costato di Pelagotti che gli risponde alla grande prima che a ridosso del riposo il fratello di Giovinco (41’) sfiori il pareggio: la punizione dai 22 metri del numero 10 pisano spiazza Consigli grazie da una deviazione, fortunatamente il palo è solo sfiorato e l’azione sfuma in calcio d’angolo.

Dopo due minuti di recupero i 5.619 spettatori paganti applaudono i ragazzi di Colantuono, molto buone le prove di Maxi e Zappacosta per una Dea che con Cigarini e Bonaventura ha sempre un livello di qualità nella manovra decisamente alto.

La ripresa inizia con l’Atalanta in avanti. Benalouane (50’) di testa sfiora subito il raddoppio mentre un minuti più tardi Estigarribia mette in mezzo un pallone con il contagiri che non trova Bonaventura per l’anticipo di Lisuzzo in angolo. L’Atalanta spinge, Dramè (62’) incrocia benissimo il sinistro in corsa trovando Pelagotti pronto in tuffo ma la sensazione è che il gol ormai sia nell’aria e dopo un paio di cambi (Boakye e Bianchi per Maxi e Denis, Spinazzola per Estigarribia) arriva il 2-0 al termine di un’azione fantastica.

Boakye(81’) recupera palla davanti alla panchina di Colantuono, Bonaventura serve Bianchi al centro e il taglio rasoterra del numero 9 di Albano per l’accorrente Spinazzola è perfetto: destro piazzato e risultato in ghiaccio. Prima del fischio finale occasione per Boakye (89’) che manda il destro sul fondo, Di Paolo dopo 3 minuti manda tutti sotto la doccia con l’Atalanta che conquista il passaggio al IV turno dove affronterà una tra Bari e Avellino.

Atalanta – Pisa 2-0

Reti: 10’ Cigarini(A), 81’ Spinazzola(A)

Atalanta (4-4-2): Consigli; Zappacosta, Biava, Benalouane, Dramè; Estigarribia (74’ Spinazzola), Cigarini, Carmona, Bonaventura; Maxi (60’ Boakye), Denis (79’ Bianchi). All. Colantuono

Pisa (3-5-2): Pelagotti; Lisuzzo, Sini, Paci (80’ Arma); Dicuonzo, Morrone, Iori, Costa (46’ Pellegrini), Finocchio; Stanco, Giovinco (46’ Napoli). All. Braglia

Arbitro: Di Paolo di Avezzano (Faverani e Lo Cicero). 4° uomo Ghersini.

Ammoniti: Benalouane(A), Lisuzzo(P), Morrone(P)

Espulsi: 10’ Braglia (Allenatore Pisa) per proteste, 87’ Morrone(P) per doppia ammonizione