Il grande murale a Boccaleone
saluta la partenza degli eroi

Il grande murale dedicato alla Dea dalla Lega di Serie A ormai terminato, le scelte del mister verso la finalissima di mercoledì ma, soprattutto, la corsa Champions che entra sempre più nel vivo. La domenica di attesa dei tifosi atalantini è trascorsa senza grandi soddisfazioni dalle altre partite: hanno vinto tutte le squadre in lizza per l’Europa, manca l’Inter che stasera affronta il derelitto Chievo, ma se anche vincesse è tutto come prima. Con una giornata in meno e con una finale di Coppa alle porte.

 

 

Corsa Champions: la situazione. L’Atalanta ha 65 punti ed è terza, l’Inter ne ha 63 ma deve giocare con il Chievo, mentre Roma e Milan sono a quota 62. Proprio queste ultime due squadre sono quelle che la Dea tiene d’occhio, nelle ultime due giornate avranno vita facile contro Sassuolo e Parma (i giallorossi), Frosinone e Spal (i rossoneri), ma le partite vanno sempre e comunque giocate. Contro Fiorentina e Juventus per gli uomini di Gattuso e di Ranieri e non ci sono stati grandi problemi e se da un lato a fine stagione è quasi scontato, dall’altro è un po’ fastidioso vedere certi spettacoli. La grande fortuna dei nerazzurri è che non dovranno fare affidamento su nessuno tranne che sulle proprie forte. L’Atalanta ha bisogno di quattro punti tra Juventus e Sassuolo per arrivare in Champions League, per l’accesso diretto all’Europa League c’è prima di tutto da giocare la finale di Coppa Italia ed eventualmente fare poi tutti i calcoli di questo mondo, ma andiamo per gradi e pensiamo solo al prossimo match contro i laziali che potrebbe scrivere già un pezzo importantissimo di storia.

 

 

Le scelte del mister: tutti a disposizione tranne Toloi. Mercoledì sera Gasperini avrà ampia possibilità di scelta rispetto ai titolari che in questa stagione si sono alternati. In difesa ci sono quattro uomini a disposizione per tre posti con Masiello e Mancini che giocheranno probabilmente con Palomino, visto che domenica sarà squalificato: Djimsiti, in questo caso, siederebbe in panchina. Sugli esterni Gosens contende una maglia a Castagne e Hateboer, ma la sensazione è che durante la gara, a prescindere, giocheranno tutti e tre. In mezzo Pasalic è la prima alternativa a de Roon e Freuler (titolarissimi), mentre in attacco ci sono zero dubbi sull’impiego di Ilicic e Gomez a supporto di Zapata. Barrow, prezioso marcatore contro il Genoa, sarà probabilmente in panchina con Toloi e Varnier unici assenti. Questa è la squadra che durante l’anno ha dato ampie garanzie e la fortuna è anche arrivare a potersi giocare questa partita con tutti i migliori in ottima condizione: il Papu, per fare un esempio, è pure riposato dopo la squalifica di sabato scorso.

 

 

Il murale è finito ed è bellissimo. In città intanto cresce in modo spasmodico l’attesa per mercoledì. Saranno oltre 20.800 i tifosi in partenza per la capitale con ogni mezzo e, mentre gli ultimi preparativi sono in via di definizione, i due artisti Rosk&Loste hanno terminato il grande murale ai Magazzini Generali commissionato dalla Lega calcio per rendere omaggio ad Atalanta e Lazio, finaliste della Coppa Italia 2018/2019. Il volto di Gasperini in primo piano, Ilicic con Zapata e Gomez sullo sfondo e un mix di nerazzurro a completare il quadro regalano alla città una vera e propria opera d’arte che valorizza l’area semi abbandonata dove è stato realizzato e ricorderà per sempre una cavalcata, una stagione e un gruppo che meritano solo applausi. Indipendentemente dal risultato del campo. Non c’è che dire: Bergamo continua a sognare e ora lo vediamo dipinto persino sui muri.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.