Hateboer si divora due gol
Benvenuto a Piccoli (18 anni)

Tutti bravi, Hateboer un po’ meno degli altri per i due gol falliti da quasi zero metri e nel complesso una prestazione di grande volume e con poca precisione per una squadra che, dopo il pari contro il Chievo, sbatte anche contro l’Empoli e deve accontentarsi di un pareggino per 0-0 che è veramente difficile da digerire.

 

 

Gollini 6,5: bella parata in tuffo su Farias al 3’, per tutto il primo tempo resta a guardare senza dover mai intervenire e nella ripresa prende solo un po’ di freddo guardando l’assedio dei suoi compagni alla porta del collega.

Mancini 7: praticamente perfetto e costantemente in anticipo su Caputo e Farias, gioca una gara molto importante per attenzione e capacità di non arretrare mai all’indietro. Serata davvero positiva per lui.

Palomino 7: gioca da ultimo al centro e non sbaglia praticamente nulla fino al riposo, anche nel secondo tempo è prezioso e preciso in anticipo riducendo al minimo ogni sbavatura.

Masiello 7: dietro è il migliore del primo tempo, si propone continuamente anche in attacco e cerca pure un paio di volte la conclusione. La musica non cambia nella ripresa e il rendimento è in crescita costante. Bravo davvero.

 

 

Hateboer 6: fallisce al 10’ un’occasione colossale per il vantaggio su cross di Ilicic, si ripete al 48’ su assist di Gomez e anche stavolta non trova la porta da vicinissimo. Ci riprova al 56’ ancora su cross di Gomez e stavolta Dragowski è superlativo, si meriterebbe un voto più alto ma gli errori a due passi dalla porta pesano tanto.

De Roon 7,5: ci prova da fuori al 23’ ma Dragowski dice di no in tuffo, recupera il pallone per Ilicic al 28’ ma lo sloveno calcia sul portiere in uscita e continua fino alla fine della partita a mulinare le gambe con una continuità incredibile.

Freuler 7: al 26’ viene murato da Veseli a porta vuota e l’occasione è clamorosa, tesse la tela del gioco senza mai mollare di un centimetro e risulta ancora tra i più bravi.

Gosens 7: qualche bella progressione sulla fascia lo porta sia al cross che al tiro. A inizio ripresa è ancora tra i migliori e si vede sempre al cross, esce stremato dopo un’ora. (60’ Castagne 6,5: si propone con continuità come il compagno, ottimo finale di gara).

 

 

Gomez 7: parte molto bene, ci prova con insistenza e nei primi 45’ minuti è il faro del gioco nerazzurro. Mette dentro decine di palloni, ci prova al tiro e cerca sempre la soluzione vincente. Serata sfortunata, resta elemento imprescindibile per il gioco nerazzurro. (88’ Piccoli sv: esordio in serie A ed entra molto bene, si vede pure al tiro ma è troppo poco per dare un giudizio).

Ilicic 7: assist al bacio per Hateboer al 10’, al 28’ decide di fare da solo su assist di de Roon ma Dragowski è attento e anche nel finale prova per tre volte il sinistro vincente ma non è fortunato. Peccato davvero, ha pochissimo da rimproverarsi.

Zapata 6,5: primo tempo più al servizio dei compagni che al tiro, al 50’ si infiamma su assist di Ilicic ma Dragowski è bravissimo. Ci prova ancora un paio di volte, esce stremato nel finale e si prende gli applausi di tutto lo stadio. (80’ Barrow sv: entra e si muove bene, mette lo zampino in un paio di occasioni ma non trova la conclusione vincente).

 

 

All. Gasperini 7,5: cosa vuoi dire ad una squadra che costruisce così tanto e che fallisce un sacco di gol a due passi dalla porta? Testa bassa e lavorare ma, certe volte, la sfiga è una componente clamorosamente importante del gioco del gioco del calcio. Serata stregata.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.