Missione Uefa per lo stadio
e spunta il nome di Palacio

È il giorno del primo passo ufficiale dell’Atalanta con la Uefa, il primo contatto a Nyon tra il direttore unico dei lavori Roberto Spagnolo e i vertici del calcio europeo, l’andata in trasferta di una partita che si gioca in doppio turno e che rappresenta il sogno, impossibile ma non troppo, di giocare a Bergamo la Champions League. Il ritorno si giocherà a Bergamo a inizio luglio, sarà durissima ma la fiducia non manca e dal video che circola pubblicato dallo studio De8 gli argomenti da mettere sul tavolo sono tantissimi.

 

Per vedere il video del render cliccate qui

 

Cosa c’è e cosa manca. L’avanzamento dei lavori viene costantemente monitorato e condiviso dal direttore Roberto Spagnolo sui social e ogni giorno si ha la sensazione che i passi avanti siano enormi. Le due estremità della Curva Pisani sono già state ultimate con i gradoni e le ultime informazioni parlano di piloni e manufatti “gettati” sul posto che sono ormai finiti e pronti per ricevere l’appoggio dei prefabbricati. Qualcosa da derogare c’è, ma il progetto colpisce e la volontà di fare tutto quello che serve per giocare all’ombra di Città Alta è forte. Paradossalmente, adesso inizia la parte più simile ai Lego con cui giocano tutti i nostri bambini: pezzo per pezzo, grazie anche alle enormi gru da 5 tonnellate, sarà composto lo scheletro della nuova Curva Pisani e tra una decina di giorni (ai lati) si inizierà pure a vedere la nuova copertura. Mancano tante cose, la Uefa dovrà probabilmente fidarsi dei render e valutare la velocità del cantiere: in 40 giorni gli operai e le aziende specializzate hanno raso al suolo la vecchia curva, preparato il terreno e iniziato a costruire quella nuova.

 

 

I dettagli del video: Curve imponenti. Proprio alla vigilia della visita a Nyon annunciata dall’Atalanta sul proprio sito ufficiale, è circolato un video pubblicato dallo studio DE8 dal titolo “INTO THE STADIUM” che mostra nuovi dettagli del progetto che si sta realizzando. I seggiolini che saranno posizionati andranno dal un blu più chiaro al nero, la Curva sarà disegnata con la scritta “1907” realizzata da una serie di seggiolini bianchi mentre la Trinuma Ubi avrà “Atalanta” come segno distintivo e la Morosini il logo della società. Sostanzialmente, rispetto a quanto già si sapeva, l’impatto visivo dei posti a sedere è l’unica vera novità che si può apprezzare dal video, ma basta un rapido raffronto con le strutture già montate in cantiere per capire, ad esempio, che la parte più bassa della Curva Pisani (quelle già finite nella zona vicina alla Tribuna Centrale e alla Tribuna Ubi) è alta più o meno la metà del “muro nerazzurro” che sarà invece realizzato dietro la porta. L’impatto, visivo e canoro, sarà certamente di altissimo livello.

 

Mercato: giornata interlocutoria. Palacio? Sul fronte mercato, è stata una giornata  interlocutoria per i nerazzurri. Tanti contatti, ma nessun passo avanti concreto. Nei prossimi giorni si attendono invece movimenti decisivi per Muriel con tutte le verifiche mediche del caso e la firma sul contratto, mentre in mezzo al campo non risultano accelerate per Fofana (Udinese) e Malinovskyi (Genk): l’Atalanta ha il gradimento dei giocatori, ma la richiesta dell’Udinese è altissima e anche i belgi non intendono abbassare le pretese. Sul fronte degli attaccanti, l’Atalanta si coccola i 4 giocatori già sicuri (Ilicic, Gomez, Zapata e Muriel) e punta sempre a un quinto elemento in grado di dare un contributo importante mentre per completare il pacchetto da sei punte in vista dell’esordio in Champions League. Mercoledì sera è circolato anche il nome del bolognese Rodrigo Palacio. Il giocatore va per i 38 anni, ma è un pallino di Gasperini, in questo momento sta trattando il rinnovo con il Bologna e le parti sembrano pure vicine ma chissà che non possa arrivare un contropiede finale della Dea: la storia di Ilicic soffiato alla Sampdoria dimostra che fino alle firme tutto è possibile.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.