A che punto è Malinovskyi
e dopo Muriel un’altra punta

Parlavamo di “sartorata”, di mister X e di campionati da monitorare sulla scorta di quello che è successo in passato e l’Atalanta, ancora una volta, ha confermato che per capire i movimenti non bisogna inseguire i nomi ma i progetti. La formazione nerazzurra guarda ancora una volta in Belgio e per rinforzare il centrocampo sta puntando il forte centrocampista centrale del Genk, Ruslan Malinovskyi. Per ora non ci sono ancora segnali di chiusura imminente ma la trattativa è vivissima.

 

 

Chi è Ruslan Malinovskyi. Classe 1993, nazionalità ucraina e presenza stabile nella squadra nazionale allenata dall’ex attaccante rossonero Andryij Shevchenko, il mediano maglia numero 18 ha vinto il campionato con la formazione belga biancazzurra con numeri semplicemente pazzeschi: 51 partite ufficiali, 16 reti e 16 assist per un totale di oltre quattromila minuti giocati. Considerando il ruolo e che durante la stagione ha anche disputato l’Europa League, i risultati sono strabilianti. Il primo a rilanciare l’indiscrezione è stato il portale belga hln.be; da qualche giorno la ridda di voci su diversi profili animava le discussioni da bar e sui giornali sono apparse le indiscrezioni più disparate. La verità è che i nerazzurri stanno puntando forte su questo ragazzo che ha un sinistro davvero interessante ed è molto abile anche nei calci da fermo. Dalle voci che filtrano dagli ambienti nerazzurri, la trattativa sarebbe già a buon punto con i vertici del Genk; difficile dire se la conclusione sia vicina o meno, ma di sicuro è ancora una volta lo scouting di Sartori a permettere di scovare profili molto interessanti.

 

 

Come procede la trattativa. Il valore del giocatore è alto, si parla di circa quindici milioni di euro, ma non siamo di fronte a una scommessa, bensì a un ragazzo che ha già una buona esperienza e che si è conquistato sul campo la possibilità di giocare la Champions League. Il portale belga hln.be riporta anche le voci secondo cui i vertici del Genk e l’agente del giocatore si sarebbero già incontrati per provare a trovare una soluzione e sbloccare la situazione. Il ragazzo, infatti, ha un contratto fino al 2022 e vorrebbe provare l’avventura in Italia. Su di lui ci sarebbe anche la Sampdoria, ma nelle scorse settimane sono circolati anche i nomi di Napoli, Arsenal e Sporting Lisbona. Nelle ultime ore sono arrivate una serie di conferme in merito all’operazione, il prezzo del cartellino non deve spaventare anche perché parliamo più o meno degli stessi soldi spesi per de Roon quando è rientrato dal Middlesbrough: in questo caso il giocatore ha vinto un ottimo campionato come quello belga e ha diverse squadre pretendenti. Non ci sono ancora segnali di chiusura, ma è chiaro che la possibilità di giocare la Champions League rappresenta un bel biglietto da visita per i nerazzurri: si tratta sulla base di 15 milioni di euro comprensivi di bonus.

 

 

Gli altri movimenti: con Muriel anche un’altra punta in arrivo? Oltre al centrocampista ucraino, in casa Atalanta tiene sempre banco la situazione delle punte. I dirigenti orobici hanno mosso passi importanti in direzione di Luis Muriel: per vedere scatti decisivi è necessario attendere il 17 giugno per la conferma definitiva del mancato riscatto da parte della Fiorentina, ma a Bergamo c’è grande fiducia. Oltre a Muriel, l’Atalanta è intenzionata ad acquistare un altro attaccante, in questo momento però non c’è ancora un affondo decisivo sui nomi che girano. Rispetto al passato, i nerazzurri si stanno muovendo con decisione per dare a Gasperini la squadra praticamente fatta prima del ritiro; con la Champions da giocare questo è un segnale importante per il futuro perché permetterà al tecnico di lavorare fin dai primi giorni sui giocatori che dovranno imparare i suoi automatismi. Certo, con Pasalic e la conferma in blocco di tutti gli altri titolari si parte in netto anticipo rispetto al passato. Per stupire ancora, in Italia e in Europa.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.