Secondo botto: Malinovskyi
E Luis Muriel è già in campo

Ruslan Malinovskyi in hotel a Bergamo, Luis Muriel in campo a Clusone e Gianluca Mancini in vacanza con un piede e mezzo alla Roma. È stata una domenica intensa per l’Atalanta, tra campo e mercato sono parecchie le notizie circolate e la certezza è solo una: il gruppo che sta nascendo è ancora più forte di quello dell’anno passato. Lo diciamo all’alba della stagione più importante di sempre e basta guardare rosa e campo per rendersi conto che è proprio così.

 

 

Malinovskyi a Bergamo, oggi le firme. Il centrocampista ucraino Ruslan Malinovskyi è atterrato domenica alle 17 a Linate da Bruxelles, alle 18.15 era in hotel ai piedi di Città Alta e oggi ci saranno visite mediche e firma sul contratto. L’operazione con i campioni di Belgio è stata chiusa tra venerdì e sabato, le visite mediche fissate ieri pomeriggio hanno messo il timbro dell’ufficialità su un acquisto da circa 13 milioni di euro che l’Atalanta ha condotto con la sicurezza di chi aveva in mano l’ok del giocatore ormai da tempo. Titolare fisso della nazionale ucraina, il nuovo centrocampista nerazzurro l’anno scorso ha collezionato 51 presenze con 16 gol e 16 assist tra campionato e coppe, nella fase dei play-off ha giocato da trequartista ed è stato decisivo per la conquista dello Scudetto da parte del Genk. Gasperini lo ha definito un ottimo acquisto, chiaramente servirà tempo per entrare nei meccanismi nerazzurri, ma i tifosi sono già molto curiosi di vedere all’opera l’ex numero 18 del Genk.

 

 

Luis Muriel già in campo a Clusone. Passando al campo, l’altro acquisto della campagna di rafforzamento nerazzurra sta bruciando le tappe. Luis Muriel aveva subito una lesione al legamento collaterale del ginocchio lo scorso 15 giugno e un mese dopo è tornato in campo insieme a tutti gli altri nazionali nell’ultimo spicchio di gara contro la Rappresentativa Clusone. La notizia, pur riconoscendo il livello assoluto dello staff medico orobico, è importante perché qualcuno addirittura ipotizzava 2-3 mesi di stop.
Con Muriel in campo che deve affinare la preparazione e Malinovskyi pronto per andare in ritiro, Gasperini può già contare su due pezzi da novanta in attesa del vice Ilicic di cui ha parlato anche dopo la prima sgambata stagionale. La richiesta del mister certifica che a Bergamo si vuole costruire qualcosa di davvero importante a livello di rosa e che dalle parti di Zingonia sanno perfettamente come e quando affondare: l’ucraino è stato cucinato a fuoco lento, il colombiano preso con un blitz di poche ore. È il mercato, certo, ma bisogna saperlo fare.

 

 

Mancini alla Roma, Cornelius al Parma. Sul fronte delle partenze, sono due le notizie che meritano di essere sottolineate. Gianluca Mancini è ormai ad un passo dalla Roma, si parla di 20 milioni di euro più 6 di bonus con la parte fissa leggermente più bassa e quella variabile un po’ più alta del previsto. In difesa il centrale toscano era il più sacrificabile, la plusvalenza è totale e comunque l’Atalanta prenderà un altro difensore per completare il reparto. Il centravanti danese Cornelius è, invece, ormai prossimo ad accasarsi al Parma, si parla di 7,5 milioni di euro complessivi per un giocatore che non è mai definitivamente esploso a Bergamo e che dopo l’eliminazione con il Copenaghen è andato al Bordeaux con alterne fortune. In attesa di capire se anche Kulusevskyi prenderà la via di Parma, una riflessione: Mancini e Cornelius, bonus compresi, porteranno nelle casse della Dea oltre 33 milioni di euro. Muriel (18 con bonus) e Malinovskyi (13 milioni) sono costati complessivamente 31: un capolavoro.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.