Sessanta metri nella leggenda
Gomez incanta, bene Gollini

Ottima prova di Golini, superlativa quella di Gosens e poi ci sono Gomez e Ilicic che anche questa sera hanno dimostrato perché sono praticamente insostituibili. L’Atalanta schianta la Fiorentina con un perentorio 3-1, il risultato è perfino stretto e tra i migliori ci sono anche giocatori che di solito non giocano su questi livelli.

 

 

Gollini 7,5: prende gol al primo tiro in porta, ma non ha grandi colpe, una sua uscita di testa anticipa Chiesa e al 31’ è bravissimo in tuffo su Laurini che calcia a colpo sicuro. Al 46’ esce sui piedi di Simeone con ottimi riflessi, complessivamente è bravo a farsi trovare pronto e dimostra grande reattività.

Mancini 6,5: al 43’ prova la deviazione volante e Lafont è bravissimo a respingere in tuffo, in difesa cerca spesso l’anticipo ed è vincente in diverse situazioni. Prova positiva.

Djimsiti 6: superato come un birillo da Muriel sul primo gol, è fisicamente in difficoltà con avversari così veloci, ma ha il merito di non perdersi mai d’animo andando anche a sfiorare un paio di volte il gol in attacco.

Masiello 6: si arrangia con mestiere per tutto il primo tempo, Simeone gli scappa solo una volta grazie a un rimpallo, ma nel complesso la sua prestazione è positiva. Peccato per il problema fisico che lo costringe al forfait in avvio di ripresa, speriamo non sia nulla di grave. (49’ Palomino 6,5: qualche mezza sbavatura, tante lotte sulla corsa e un paio di scivolate su Chiesa che strappano applausi).

 

 

Castagne 7: grande volume per tutta la gara sia sotto il profilo della corsa che del posizionamento tattico, bello e preciso l’assist per il 3-1 di Gosens che impreziosisce una prova ampiamente positiva. Bravo davvero.

De Roon 6: media aritmetica tra l’8 che si merita per il grande impegno e la dedizione e il 4 che vale l’errore gravissimo in avvio con palla a Muriel e Fiorentina in vantaggio (3’). Anche nel recupero del primo tempo è disattento e la Fiorentina riparte. Complessivamente non una delle serate migliori ma ogni tanto, anche ai migliori può capitare.

Freuler 7: moto perpetuo in mezzo alle maglie verdi della Viola, nel finale sciupa davanti a Lafont il gol del 4-1, ma va perdonato: se avesse anche alla fine la lucidità dei giorni migliori sarebbe stellare.

Gosens 8: ottimo primo tempo in fase di copertura e poi di spinta, al 60’ diventa protagonista prima con un bel colpo di tacco per Gomez e sul prosieguo dell’azione insacca di testa il secondo gol in campionato. Fino alla fine è tra i più frizzanti, gioca in fiducia e la sua prova è davvero maiuscola.

 

 

Gomez 8,5: primo squillo al 19’ con un destro violento da fuori area che Lafont mette in angolo, perfetto il suo assist per Ilicic al 26’ con Lafont che para, mentre quasi leggendaria la ripartenza di 60 metri che vale il gol del 2-1. Al 43’ prova ancora a sorprendere Lafont, ma il portiere dei viola fa buona guardia, fino alla fine è in pieno controllo del gioco e la squadra si fa guidare come se fosse un faro nella notte.

Ilicic 8,5: giocatore totale. Al 26’ ci prova con un destro al volo su assist di Gomez, ma Lafont è ancora bravo nella respinta, al 28’ insacca con la collaborazione di Biraghi che devia in porta il destro dal limite e per il resto della gara distribuisce magìe ai compagni mettendo davanti a Lafont prima Gomez e poi Freuler. Imprescindibile.

Zapata 6: non è brillantissimo e si vede. Ha però il grande merito di non mollare mai e le sue sportellate sono sempre preziose per i compagni. Sfiora il gol nella ripresa poco prima del 3-1 di Gosens, esce appena dopo per rifiatare un po’ e lo stadio lo applaude. (72’ Pasalic 6: buon finale di gara al servizio dei compagni. Piede educato e fisico importante, ormai è un titolare aggiunto).

 

 

All. Gasperini 8: pronti, via e la squadra va sotto. Ha il merito di non cambiare una virgola, la squadra lo segue e dopo il 3-1 piazza un paio di cambi intelligenti anche se un po’ “spiazzanti”. Mette un solco di cinque punti con la Fiorentina alla vigilia della trasferta di Genova, risultato davvero importante.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.