I tifosi: addio prezzi popolari
per le famiglie è una stangata

Gli aumenti praticati dall’Atalanta sulle tariffe degli abbonamenti per la stagione 2019/2020 hanno aperto parecchi dibattiti sui vari forum presenti sui social network. In modo particolare il dito è stato puntato sul rincaro, ritenuto eccessivo soprattutto per chi è abbonato già da molto tempo, e sull’assenza di pacchetti che potessero agevolare le famiglie, in particolare le più numerose.

 

 

Andando a tastare la prima nota, molti tifosi hanno puntato il dito contro il sostanziale raddoppio del prezzo dell’abbonamento della nuova Curva Pisani. Pensare a un ritocco, considerando l’abbattimento e la ricostruzione della Curva rendendola interamente coperta e ammodernandola con le ultime tecnologie e anche la grande annata che ci attende, era abbastanza ovvio, ma in pochi si aspettavano un aumento così significativo. In questa stagione i tifosi dovranno sborsare 350 euro (290 euro in prelazione) per le sole 17 gare di Bergamo (sono quindi escluse le prime due che si disputeranno al Tardini di Parma), contro i 180 euro (160 euro in prelazione) di dodici mesi fa, passando da una media di 8,50 euro a partita a 17 euro. Alcuni sostenitori sono andati molto pesanti su questo fatto, ritenendo ingiustificato un raddoppio, mentre altri appoggiano la decisione della società che fino a ieri aveva mantenuto prezzi popolarissimi mentre oggi si è adeguata al mercato. Nessuna lamentela invece per quanto concerne la Curva Morosini (oggetto di abbattimento e ricostruzione nell’estate 2020), lievemente incrementata a 215 euro (180 in prelazione).

 

 

Se per la prima nota il popolo nerazzurro è parso equamente diviso, la seconda è invece quella maggiormente dolente perché ha raccolto un sostanziale giudizio negativo da parte degli aficionados della Dea. Qualche padre di famiglia ha sollevato la lamentela per la mancanza di riduzioni alle famiglie, soprattutto quelle più numerose, che non vorranno mancare nella prossima stagione. Facendo un sostanziale conto in tasca a un padre che vuole andare allo stadio con moglie e due figli di 17 e 15 anni, questi dovrà acquistare necessariamente quattro abbonamenti interi. Le sole scontistiche sono state infatti riservate agli Under 14 (ossia i nati dal 1 gennaio 2016) e agli invalidi con una percentuale superiore al 75 per cento, mentre anziani o pensionati e il pubblico femminile dovranno acquistare il tagliando intero.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.