Toloi si opera, stagione finita
E col Napoli è in dubbio Ilicic

È un sabato di grande attesa, arriva dopo un venerdì di grande attesa e precede una domenica di grande attesa. Per chi ha una fede cristiana forte e sentita, la Pasqua è certamente un punto di riferimento importante per spiegare le sensazioni di queste ore, ma chi vive e respira anche Atalanta 24 ore al giorno è chiarissimo come Napoli e Fiorentina, le prossime due sfide dei nerazzurri, siano al centro di ogni pensiero. Non vogliamo essere blasfemi, sacro e profano sono da tenere sempre distinti,ma qui si parla di calcio e quindi è giusto sottolineare, ancora una volta, l’incredibile girandola di emozioni che si vive a Bergamo tra la gente della Dea.

 

 

Giocatori e mister ci provano: a Napoli per vincere. Vedendo i volti che circolano a Zingonia in questi giorni e leggendo le parole delle varie interviste sui giornali, si capisce subito come Napoli-Atalanta non sia vissuta come un intralcio alla super sfida con la Fiorentina ma una tappa importante da onorare al meglio verso l’Europa. L’Atalanta giovedì si gioca una finale che manca dal 1996 per provare a vincere una Coppa che è stata conquistata solo nel 1963, eppure dalle parti del Centro Bortolotti si pensa solo e soltanto al Napoli. La squadra di Ancelotti all’andata ha vinto nel finale con la rete di Milik e viene da una stagione positiva sebbene non esaltante. Oggi la Juventus vincerà (al 90 per cento, almeno) lo scudetto, il Napoli è secondo a una distanza siderale dalla vetta e non ha più motivazioni: l’uscita dall’Europa League per mano dell’Arsenal è stata pesante, il clima non è buono ma i giocatori restano forti. Servirà una grande prestazione della Dea e, a giudicare da come il tecnico nerazzurro la sta preparando, c’è davvero da scommettere che andranno in campo i migliori.

Toloi sotto i ferri, dubbio Ilicic. L’allenamento di ieri ha confermato due certezze che ormai aleggiavano nell’ambiente. Rafael Toloi ha gettato la spugna: martedì il brasiliano verrà operato a Pavia per sistemare il problema alla caviglia che lo ha tormentato in queste ultime settimane e che è nato dopo l’infortunio muscolare ormai superato. Spiace, ma il ragazzo e lo staff medico le hanno provate davvero tutte: tornerà per il ritiro di luglio, con la caviglia come nuova e una grande carica per la prossima stagione. Ilicic invece, nella seduta del Venerdì Santo, ha lavorato a lungo con i compagni, è da considerarsi disponibile ma qui il grande dubbio è sull’opportunità di rischiarlo. È l’unico della rosa che dopo una gara ufficiale ha bisogno di un paio di giorni per rimettersi al pari dei compagni, dopo Napoli ci sono solo tre giorni prima di Atalanta-Fiorentina e quindi è possibile che Gasperini inizialmente rinunci almeno a lui, con Gomez in campo con Zapata e davanti a Pasalic. Gli altri ci sono tutti.

 

 

Atalanta in campo per ultima, oggi le altre. Il calendario, infine, regala un sabato zeppo di calcio. La Serie A scende in campo quasi tutta oggi, i nerazzurri lunedì sera sapranno perfettamente come sarà la classifica e le gare da tenere d’occhio sono quelle che coinvolgono le squadre più vicine. L’unica a giocare in casa è la Lazio che affronta il retrocesso Chievo, la Roma (+1 sulla Dea) va a Milano dall’Inter, mentre il Milan (+2 sulla Dea) è di scena a Parma. Le altre inseguitrici più staccate sono il Torino (-3 dall’Atalanta), che gioca a Genova, e la Sampdoria (-5 dai nerazzurri), che gioca a Bologna. L’Atalanta è in serie positiva da sette giornate, a Napoli l’obiettivo minimo è continuare a fare punti puntando la famosa quota 65. Nessuno si agiti se dopo questo turno si resterà addirittura fuori dalle prime sette posizioni (capita se la Dea perde e Lazio e Torino vincono) e nessuno si esalti se dovesse arrivare una vittoria a Napoli con grande balzo verso l’alto. Mancano ancora cinque partite oltre a quella di Pasquetta, è lunga e bisogna solo pensare di giocarne una per volta. Coppa Italia compresa. Che bella Pasqua che passeremo, auguri a tutti i tifosi atalantini.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.