Il cafonometro dei sabati sera
Stare a casa is the new uscire

Il sabato è un piccolo capodanno settimanale, è il giorno in cui ci sentiamo tutti in obbligo di fare qualcosa anche se nessuno ha voglia. Ci meritiamo il riposo, ci meritiamo il divertimento, ma come fare? Qualsiasi cosa facciate, il sabato sera sarà cafonissimo.

 

10) Il venerdì sera

Primo grande impedimento dell’organizzazione del sabato sera è innegabilmente il contegno che si è tenuto durante il venerdì. La gioia per essersi liberati dalla settimana di lavoro può spingere a compiere gesti inconsulti dalle ore 19.30 del venerdì in avanti, ed essere confusa come una rinnovata giovinezza. Ne pagherete le conseguenze per l’intera giornata successiva.

Livello cafonaggine: ottimismo.

Piace perché: abbiamo tutti diritto a un momento di gioia.

 

9) Il compleanno

Grande classico la festa di compleanno il sabato sera, gioia e dolore, evento che costringe ad abbandonare il divano, ad assumere delle sembianze decenti e ad affrontare il mondo muniti di sacchetti e sorrisi. Partiremo sempre tutti con la brillante idea di «bere una cosa e andare a casa», ma così non sarà. Faremo tutti chiusura al ristorante, ci trascineremo per delle ore e ci divertiremo anche, con nostro orrore.

Livello cafonaggine: sopportabile.

Piace perché: ricorrenza consolante.

 

8) L’indecisione

Inevitabile fase da affrontare è quella sull’organizzazione delle serata, che di solito parte con delle provocazioni pomeridiane su un gruppo WhatsApp. Si passa poi alle formazioni del fantacalcio e si arriva infine a orario aperitivo, quando qualcuno si convincerà a uscire di casa e a convincere altri ottimisti. La serata si incaglierà in un bar casuale e annegherà in fiumi di birra a poco prezzo. Saranno le serate migliori.

Livello cafonaggine: classico confortante.

Piace perché: ogni tanto c’è bisogno anche di questo.

 

7) L’alcol

Può capitare nella vita che in certi momenti di ottimismo qualcuno si senta talmente in forma da azzardare qualche calice in più rispetto a quello di ordinanza, sentendosi un diciannovenne in forma, in preda a un entusiasmo immotivato. Lo stomaco inizierà a fare un po’ di bizze, ma l’allegria ritrovata dopo una settimana di dieta e detox farà ignorare questi primi sintomi di allarme che l’organismo manda. Errore.

Livello cafonaggine: beata gioventù.

Piace perché: tuffo nel passato.

 

6) Il sonnellino del sabato pomeriggio

Grande ostacolo, il sonnellino del sabato pomeriggio. Inizia dopo pranzo, apparentemente innocente, nei casi peggiori addirittura salutare. Se non maneggiato con cura, però, porta direttamente ai punti 3, 2 e 1, senza colpo ferire.

Livello cafonaggine: grande trappola.

Piace perché: a chi non piace?

 

5) La discoteca

A qualcuno pare piaccia ancora. Periodicamente si presentano occasioni mondane in cui è richiesta la presenza nottetempo in locali danzanti, affollati, rumorosi. Tale tortura si rivela – a sorpresa – un gioioso revival dei decenni trascorsi, quando le rughe erano un ricordo e l’organismo macinava situazioni di disagio con disinvoltura. Abbiamo visto degli stimati professionisti perdere totalmente il lume della ragione e dimenarsi senza controllo in memoria del vecchi tempi che furono. Tabbozzare con Gabry Ponte non è mai stato così bello.

Livello cafonaggine: «… è un privilegio rarooooo!».

Piace perché: quanti ricordi!

 

4) La cena a casa di amici

Chic, elegante, riposante, un giusto equilibrio tra vita mondana e meritato riposo. La convivialità casalinga, un pregiato incontro. All’inizio si raduneranno tutti intorno a un tavolo. Poi il divano inizierà ad affolarsi e solo i migliori non si addormenteranno.

Livello cafonaggine: piedi sulla sedia.

Piace perché: amicizia vera.

 

3) Stare a casa is the new uscire

Quale dolce tentazione. Quale proibito piacere non opporre resistenza al caldo abbraccio del divano e abbandonarsi alla nullafacenza, vedere la “N” di Netflix appetitosa e languida farsi largo su qualsiasi dispositivo come una seduttrice, una tentatrice, una carezza, una coccola. Autonomamente la coperta si farà più pesante sul cuore, la tisana si infonderà con un tuffo nella tazza piena d’acqua bollente, e la vita sembrerà un po’ più morbida.

Livello cafonaggine: trent’anni.

Piace perché: c’è bisogno di dirlo?

 

2) La domenica mattina

Qualsiasi cosa abbiate fatto la sera prima, vi sembrerà una stupidata.

Livello cafonaggine: insopportabile.

Piace perché: inevitabile.

 

1) Il lunedì mattina

Qualsiasi cosa abbiate fatto il sabato sera, vi sembrerà bellissimo.

Livello cafonaggine: estrema.

Piace perché: leggero sollievo.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.