Cocktail stories, il Negroni
L’aperitivo (italiano) per eccellenza

È senza dubbio uno dei pre-dinner più famosi del mondo, anzi, è proprio l’aperitivo per eccellenza. Dopo tutto siamo stati noi italiani a inventarci la moda di sorseggiare un drink prima di metterci a tavola, e precisamente se l’è immaginato  Antonio Carpano, quando, nel 1786 inventò il vermut. Proprio questo vino speziato, insieme al Campari, è la base del Negroni e dei suoi fratelli, tra cui l’Americano e lo Sbagliato.

Questo volta la storia è certa, e i protagonisti ben noti. L’attore principale è il cosmopolita, poliglotta e gran schermidore Conte Camillo Negroni, che amava sorseggiare nei locali del centro di Firenze un buon Americano come aperitivo. Un drink italiano che aveva preso questo nome perché – si racconta – dedicato al celebre pugile Primo Carnera campione in America. Vermut e Campari miscelati, allungati con un po’ di seltz.

 

Il Negroni

cocktail negroni fotografo devid rotasperti (1)     cocktail negroni fotografo devid rotasperti (6)

Si racconta che il Conte, in un giorno imprecisato tra il 1919 e il 1920, chiese a Fosco Scarselli, barman del Caffè Casoni di Firenze, di preparargli il solito aperitivo con una variante ispirata dal suo ultimo soggiorno londinese. Vermut, campari e gin. Il distillato dava al drink un grado alcolico maggiore oltre a un gusto molto più intenso e corposo. Si era inventato un aperitivo destinato a fare storia, che chiedeva di essere gustato sorso dopo sorso. La storia finisce informandoci che fece aggiungere la classica d’arancia per distinguerlo da tutti gli altri, che prevedevano sempre e solo la scorza di limone. Poco importa che sia vero, fatto sta che in breve tempo diventò di gran moda chiedere un Americano così come lo beveva il Conte Negroni, e in seguito, per far prima: un Negroni.

 

Il Negroni Sbagliato

cocktail negroni fotografo devid rotasperti (7)     cocktail negroni fotografo devid rotasperti (12)

Quarant’anni dopo la fortunata intuizione del nobiluomo toscano, fece la sua comparsa nella movida milanese un’altra variante destinata a diventar famosa. Anche in questo caso il padre è noto come il luogo della sua creazione: il Bar Basso di Milano, locale storico in via Plinio aperto dal 1947 e guidato da un bartender leggendario, Mirko Stocchetto. È lui che per primo pensò di sostituire il gin tanto caro al nostro Conte con uno spumante Brut. Il risultato è un cocktail molto meno corposo dell’originale e molto più leggero, essendo stato privato della fonte alcolica più importante. L’acidità del vino poi, insieme alla piacevole frizzantezza delle bollicine, lo rende assai più beverino e dissetante.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.