10 doppie verità in bergamasco

C’è un certo spirito da sofisti che cova sotto la nostra cenere. Per questo ci divertiamo spesso a sostenere tesi opposte, a seconda del contesto e del pubblico. Forse perché in fondo pensiamo che non esista una sola verità. Oppure, più prosaicamente, perché quello che pensiamo davvero preferiamo tenercelo per noi. E diciamo agli altri quello che vogliono sentirsi dire.

 

ANIMALI E PERSONE

1) I ghe arda piö ai cà che ai cristià

brambilla_animalista

Prima che Papa Francesco intervenisse personalmente sulla questione, c’era già chi deplorava un certa propensione a disinteressarsi del prossimo in favore del proprio animale domestico. [Trad: guardano più ai cani che ai cristiani]

 

2) I bèstie i te öl piö bé

mucca8

 

Ognuno di noi ha raccolto, nel corso dell’esistenza, inevitabili delusioni dai propri simili. E ha trovato spesso consolazione nell’infinita devozione, per esempio, di un cane. [Trad: le bestie ti vogliono più bene]

 

ACCOGLIENZA

3) I è töcc de lur

l43-operaio-120711185215_medium

A volte ci lasciamo prendere la mano dalle sensazioni e non consideriamo i dati statistici sull’immigrazione. Dà lì nascono visioni apocalittiche come questa. [Trad: sono tutti dei loro]

 

4) I nòs-cc i öl piö laurà

giovani-a-rimini-divertimento-grande

In altre occasioni un sussulto di consapevolezza ci porta a riflettere sulla necessità della presenza di chi svolge lavori che ormai non fanno più parte delle nostre aspirazioni. [Trad: i nostri (figli) non vogliono più lavorare]

 

ETICA E RELIGIONE

5) I gh’à la facia de tóla de ‘ndà ‘n césa

NEWS_57355

 

Chi sosta nelle piazza di fronte alle chiese, di solito al tavolino di un bar, a volte esprime amarezza nei confronti di chi si comporta in un modo e appare in un altro. [Trad: hanno la faccia di tolla di andare in chiesa]

 

6) I gh’avrèss de cassà dét ol có ‘n césa

nonna.600x400

 

Il decadimento dei costumi è uno dei nostri temi preferiti, fin dalla note dei tempi. Un recupero della tradizione cattolica sembra allora un utile rimedio. [Trad: dovrebbero cacciare la testa in chiesa]

 

SALUTE E BENESSERE

7) De ergóta te gh’é de mör

fumo_esagerato

Il nostro storico fatalismo diventa la giustificazione per ogni eccesso, visto che l’inevitabilità della fine rende inutile astenersi dai comportamenti scorretti. [Trad: di qualcosa bisogna pur morire]

 

8) Mèi tègnes de cönt

ipocondria

C’è chi invece non ci sta e sorveglia la propria salute con implacabile rigore. D’altra parte il corpo è una specie di proprietà privata, e come tale va difesa e curata. [Trad: meglio tenersi da conto (curarsi)]

 

ALIMENTAZIONE

9) Öna fèta de salàm la pöl mia fà mal

SALAME

Se fosse limitata alla fetta di salame, l’affermazione sarebbe legittima. In realtà si allarga rapidamente al salame intero, al vino, a ogni genere di formaggi, al caffè e alla grappa. [Trad: una fetta di salame non può far male]

 

10) Só gnit grand a polènta e pica sö

images

Quando ascoltiamo i nostri vecchi, non sembra che la privazione della carne, intesa nel senso alimentare, abbia prodotto chissà quali danni. Anche perché chi pronuncia questa frase di solito è una sanissima quercia di oltre ottant’anni. [Trad: sono diventato grande a polenta e…basta]

Una risposta a “10 doppie verità in bergamasco”

  1. gioli

    Riguardo al servizio numero 10 il fatto dè di polenta e picasö ol picasö era il gesto di appoggiare un pezzo di polenta su una sarda o sardela sotto sale al centro del tavolo per dargli un minimo di sapore, proprio perché non cera altro da mangiare.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.