Atalanta, l’inserto da collezione
è ancora disponibile (dove e come)

Dall’8 giugno a ieri, giovedì 14 giugno, ve l’abbiamo regalato insieme al nostro settimanale. Con soltanto 1,50 euro di spesa, quindi, vi portavate a casa un sacco di belle notizie si Bergamo e hinterland e pure un inserto da collezione sulla stagione da poco conclusasi dell’Atalanta. Tanti di voi hanno colto al volo l’occasione (grazie ai tanti che ci hanno scritto per farci i complimenti nonostante un paio di errorini di cui ci scusiamo), altri invece, purtroppo no. È proprio a loro che abbiamo pensato. Visto che ancora qualche copia de “Gli anni d’oro della grande Dea” è a nostra disposizione, abbiamo deciso di dare la possibilità a tutti di scriverci e prenotarne una. Se interessati, dunque, mandate una mail a redazione@bergamopost.it o scrivete alla nostra pagina Facebook, e fino a esaurimento scorte saremo ben contenti di darvi la possibilità di venire a trovarci in redazione e ritirare, gratuitamente, una copia dell’inserto da collezione.

 

Lo sappiamo, la stagione calcistica si è conclusa da un paio di settimane. Ma davvero voi, atalantini nel cuore come noi, vi siete già scrollati di dosso le emozioni di questa incredibile annata? Veramente vi siete già scordati del debutto in Europa League al Mapei Stadium, dell’impresa di Liverpool, della vittoria a Roma, dell’eliminazione del Napoli dalla Coppa Italia, del muro nerazzurro di Dortmund, delle lacrime di Reggio Emilia, del gol di Masiello al 92′ contro il Milan? Be’, noi no. Ed è per questo che con il nostro settimanale in edicola da venerdì 8 a giovedì 14 giugno vogliamo fare a tutti voi un regalo: un inserto da collezione sull’Atalanta. Sessantotto pagine per fare in modo che quest’annata storica rimanga per sempre al nostro e vostro fianco, tra parole (poche) e immagini (tante). Il tutto senza chiedervi neppure un euro in più rispetto al prezzo del settimanale (1,50 euro), perché i regali mica si fanno a pagamento. Un inserto che riceveranno anche gli abbonati al nostro settimanale, che vogliamo ringraziare per averci dato fiducia.

 

 

Insomma, abbiamo deciso di rilanciare l’iniziativa che avevamo già messo in campo un anno fa, rinnovandoci però. Sia nella grafica che, ovviamente, nei contenuti. Mantenendo sempre lo stesso filo conduttore: la passione per i colori nerazzurri. Se l’anno scorso era stato Il migliore anno della nostra vita, quest’anno il titolo scelto è Gli anni d’oro della grande Dea. Perché ciò che sta facendo questa squadra, questa società, questo gruppo composto da giocatori, tecnici, dirigenti e soprattutto tifosi, è qualcosa di unico che rimarrà per sempre nella storia. La stagione 2016/2017 poteva essere un unicum, invece Gasp e i suoi ragazzi si sono ripetuti. E ci sono tutti i presupposti perché gli anni a venire siano ancora altrettanto belli. Se gli 883 cantavano «gli anni d’oro del grande Real», Bergamo oggi non può che decantare gli anni d’oro della grande Dea. E noi di BergamoPost, insieme a voi, vogliamo essere parte di questo grande coro.

 

 

Ettore Ongis (direttore di BergamoPost), Xavier Jacobelli (direttore di Tuttosport e firma di punta della nostra testata), Fabio Gennari (primo cantore delle gesta nerazzurre sulle nostre pagine virtuali e cartacee) e Andrea Rossetti si sono occupati, in poche righe e tante emozioni, di dipingere un quadro della stagione appena conclusasi, scegliendo ognuno un “soggetto” diverso. Poi, invece, spazio ai veri protagonisti: il nuovo stadio che verrà (come sarà, quando arriverà e cosa ci regalerà); tutti i giocatori, con tanto di autografi; una doppia pagina fotografica sulla cavalcata in Europa League; praticamente tutte le partite giocate quest’anno (ben 50) attraverso i volti di voi tifosi che eravate allo stadio. Un racconto completo, privo di retorica giornalista ma ricco di sentimento: questo è ciò che vogliamo trasmettere. E allora, che dire se non che vi aspettiamo in edicola, augurandoci che la passione e il lavoro che abbiamo messo in questo inserto nerazzurro da collezione riesca a soddisfare la vostra, di passione. Forza Atalanta, sempre!

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.