Giocare a golf ma… in centro città!
Siete pronti per lo Street Golf?

Il golf, lo sport dei club esclusivi, dei ricchissimi inglesi, delle mise firmate da grandi brand, nel silenzio assoluto dei prati di qualche tenuta esclusiva. Ebbene, dimenticatevelo. Qui si parla di Street Golf™ (TM sta per marchio registrato), tutto un altro paio di maniche, che sabato 18 si terrà nel Centro Piacentiniano di Bergamo città dalle 9.30 in poi.

Che cos’è e dove nasce lo Street Golf. Organizzato da quattro ragazzi di Bergamo innamorati di questo sport, Paolo Bresciani, Dario Colloi, Fabrizio Donati e Luca Rovetta, dal 2011 viene portato per le città più belle d’Italia (tra le altre, Torino, Verona e Portofino), per far sposare urbanistica ad abitabilità, capolavori architettonici a partecipazione. E soprattutto, così come da obiettivo iniziale di Nikola Krasermann e Torsten Schiing, che lo fondarono ad Amburgo nel 1992, per far uscire il golf dai suoi circoli esclusivi e renderlo unconventional, alla portata di tutti. Chissà che qualcuno, dei più o meno giovani partecipanti all’evento, si appassioni per davvero.

 

Header_Page

 

Un successo, dal 2011 ad oggi. I numeri di questa manifestazione parlano chiaro: in questi cinque anni, con circa 26 eventi organizzati su tutto il territorio nazionale, hanno giocato più di 2.400 persone e partecipato, in veste di spettatori, 58mila persone. Fondamentale naturalmente la collaborazione con le amministrazioni comunali ospiti e l’attenzione mediatica ricevuta: dello Street Golf hanno parlato addirittura Sky, Rai, Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport. Un successo che è fatto anche di sorrisi, condivisione e passione per questo sport, grazie all’anima generosa e positiva della manifestazione, quella che vuole «conquistare il tuo mondo» (We’ll keep your world è il motto dello Street Golf), per coinvolgere tutti, «ma proprio tutti, non solo i pochi fortunati», nella bellezza di questo sport. Come? Proponendo gli ingredienti più semplici e cari al mondo del golf: panorami inusuali e affascinanti, puro relax e sana competizione.

Come funziona. Innanzitutto, per iscriversi (quota di partecipazione 50 euro, gratuito per gli under 18), bisogna andare qui. La gara, a cui parteciperanno giocatori amatori, seguirà la formula Louisiana, ovvero a squadre, considerata da sempre una delle più divertenti e simpatiche. Ad ogni giocatore verrà distribuito un set di palline morbide costituite da una miscela speciale e l’attrezzatura sarà composta soltanto da quattro ferri (ferro 5, ferro 7, Sand e Putt), sufficienti per fronteggiare qualsiasi ostacolo urbano.

Le zone di gioco sono identificate come tee-shot e i green saranno di erba sintetica. Al termine della competizione si svolgerà la classica cerimonia di premiazione, alle ore 20, presso Piazza Dante, con la partecipazione del Balzer e di nuove realtà del Centro Piacentiniano, con Tresoldi Bakery e Bu Cheese Bar. La serata, a cui i giocatori potranno accedere gratuitamente, sarà poi caratterizzata musica dal vivo e altre sorprese.

 

Score-2

 

Le novità. La novità di quest’anno sarà un percorso di ben 18 buche più 3 buche Jolly, in due splendidi scenari del centro: 8 buche saranno allestite nel Centro Piacentiniano, tra gli edifici storici, e altre 10 buche si troveranno nella bella cornice di Città Alta, per un percorso cittadino di circa 6 chilometri Ogni buca, poi, ha il nome della via a cui appartiene, e ci saranno quindi la Buca del Quadriportico, quella del Lavatoio, quella degli Spalti… Insomma, ad ogni angolo, giocatori e spettatori scopriranno angoli e scorci preziosi della città.

Il ricavato in beneficenza. Il tutto, divertimento, arte, sport, competizione, condivisione, non ha solo una ricchezza in sé, ma ha anche la cura di fare spazio alla solidarietà: il ricavato della manifestazione sarà devoluto infatti all’Associazione Bambini del Danubio Onlus, fondata a Trieste nel 2004, nata con l’obiettivo di permettere l’accesso alle cure mediche ai bambini gravemente ammalati appartenenti a famiglie non abbienti dell’area danubiana-balcanica. Nel corso degli anni ha esteso la propria attività per dare aiuto anche ai minori provenienti da paesi poveri come l’Africa, il Sudamerica e l’Asia. L’Associazione si impegna oggi anche a sostenere i costi degli interventi chirurgici, delle cure mediche e del supporto logistico ai familiari che accompagnano il bambino.

 

 

Sponsor e collaborazioni. A sostenere l’evento, in stretta partnership con gli organizzatori, c’è l’Immobiliare della Fiera, title sponsor, che si è fatta promotrice non solo per quanto riguarda l’evento sportivo e culturale, ma anche per la parte organizzativa e l’attenzione al rinnovo urbanistico della città coinvolta. La Club House presso la Domus sarà invece punto di accoglienza e ritrovo per tutti i giocatori e ci sarà un gonfiabile del Golf Club Bergamo L’Albenza per chi si avvicina a questo sport per la prima volta.

Gli altri sponsor: FordStore Bluberg, IVS Italia, RONDI, Immobiliare Percassi, Boccadoro Franciacorta. Mentre Rota Fumagalli Gioielleria e Joys Gioielli saranno invece gli official supplier e Balzer, Domus, Bù Cheese Bar, Tresoldi, La Marianna e Alpi saranno food &beverage partner.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.