Il Birrificio del Lago a Sarnico
Dove tutto parla bergamasco

BeerRoad è un percorso che attraversa il territorio di Bergamo alla scoperta della produzione di tutti i micro-birrifici che troverete a BeerGhem 2015, la rassegna delle birre artigianali orobiche che si svolgerà a San Pellegrino Terme dal 29 maggio al 2 giungo 2015. Questo viaggio ci guiderà idealmente lungo una strada della birra artigianale per scoprire i volti e l’impegno di chi, con coraggio e passione, ha deciso di fare della birra la propria vita e il proprio lavoro. Questa volta ci fermiamo a visitare un piccolo birrificio sulle sponde del lago: il Birrificio del Lago a Sarnico.

 

 

«Ormai non ci sono più dubbi, quella delle birre artigianali è una svolta epocale e non si potrà più tornare indietro. È la lenta presa di coscienza che le birre buone sono qualcosa da scoprire e chi ne assaggia una artigianale non si accontenterà più della produzione industriale». Luca Colosio, del Birrificio del Lago, ne è convinto. È uno degli ultimi poli produttori di birra ad aver fatto la sua comparsa in terra orobica, una storia che coinvolge tre soci: il bergamasco Luca Colosio, il piemontese Francesco Bastianini e il napoletanto Gennaro Proverbio, tutti intenzionati a dire la loro in fatto di artigianato brassicolo, portando anche alcune novità uniche nel panorama bergamasco.

Luca è il mastro birraio di questa realtà che da luglio 2013, data della prima cotta, non ha mai smesso di sperimentare e produrre qualità. Lavora con un impianto di 100 litri a un ritmo di 3 cotte settimanali, riuscendo a produrre ogni mese circa 2000 bottiglie da 50 cl ma con una prospettiva di crescita che, forte della richiesta in aumento, punta  ai 100 ettolitri l’anno. La produzione tocca diverse tipologie, per divertirsi e divertire tutti i palati, lavorando sempre in alta fermentazione, con grande cura delle materie prime, spaziando tra la tradizione inglese e quella belga, per un totale di quindici ricette che ricordano, nel nome in dialetto bergamasco, la loro origine. Qualche esempio? La prima a essere prodotta è stata la Harnek, dal nome apparentemente esotico ma che, se pronunciato ad alta voce, si svelerà subito per quello che è: Sarnico.

Il lavoro è comunque a ritmo sostenibile e misura d’uomo, come assicura Luca, pur con tanto sforzo e costante impegno, ma il risultato è la soddisfazione di creare con le proprie mani qualcosa di sempre più apprezzato nel tempo, di accogliere i clienti al beershop e consigliare chi per passione e divertimento si dedica a una piccola produzione casalinga.

Una grossa novità bolle in pentola: a breve sarà presentata la nuova Harnek totalmente biologica. Una delle primissime a Bergamo, e forse l’unica a potersi fregiare del marchio BIO. Un vanto per un birrificio che ha messo tra i suoi valori chiave la sostenibilità e l’attenzione al territorio anche se, ammette lo stesso Luca, mettere insieme tutti gli ingredienti non è stato facile e oggi produrre alcune ricette sarebbe impossibile.

Le birre del Birrificio del Lago. Tra le 15 etichette del Birrificio del Lago, ne abbiamo assaggiate, come sempre, due per voi.

birrificio del lago foto devid rotasperti (3)Brasca. Amber Ale. Non è difficile, guardando il colore che si addensa nel bicchiere, capire perché abbiano deciso di darle lo stesso nome della brace. Un aranciato intenso vi invita a prenderne un sorso. Al naso si fanno subito evidenti i profumi agrumati maturi e a seguire le note più tropicali, come il frutto della passione l’ananas matura e papaya. In bocca ritornano la note agrumate del naso, declinate però con una punta finemente amaricante della scorza di arancia candita.

 

birrificio del lago foto devid rotasperti (4)

Dudes. Light Ale. Anche in questo caso il nome dice tutto. Si tratta infatti della dodicesima creazione del birrificio. Lo splendido colore dorato brillante lascia già presagire i profumi estivi. Predominano il mango e un delicato profumo di miele. A fianco, la seconda impressione è guidata da una nota erbacea rinfrescante che ritorna in bocca con la sfumatura piacevolmente amara delle erbe officinale e della foglia di tarassaco. Una che emerge a sorpresa tra le altre è quella esotica della banana.

 

Lievito