L’alfabeto orobico della corsa rosa

Pedalata dopo pedalata, questo Giro numero 100 arriverà a Bergamo. E lettera dopo lettera vi vogliamo raccontare l’alfabeto della nostra corsa rosa, che passa da qui, dalle nostre strade. Quello del ciclismo è un grande racconto. Suoni, colpi di scena, personaggi. E parole.

A come Alpi. Il tappone alpino da Rovetta a Bormio propone Mortirolo, Stelvio e Umbrail Pass. È la prima lettera dell’alfabeto e la prima grande fatica per i corridori.

B come Boccola: l’ultimo sforzo prima dell’arrivo. L’appuntamento è per domenica 21, quando il Giro arriverà a Bergamo. Un momento magico per l’edizione numero 100.

C come casa: sono tre (più Tiralongo) i corridori bergamaschi impegnati al Giro. Enrico Barbin, Lorenzo Rota e Davide Villella.

D come debutto: quello del bergamasco Lorenzo Rota, che compirà 22 anni proprio il giorno del tappone Rovetta-Bormio.

E come Etna: la prima vera salita del Giro numero 100. Ma soltanto sulle Alpi ci saranno i verdetti finali. E nella tappa di Bormio «magari non si deciderà chi ha vinto, ma si saprà chi ha perso». Parola di Vittorio Algeri.

 

 

F come Falco: Savoldelli fu soprannominato così per le sue qualità di discesista. Quest’anno al Giro si era pensato a una speciale classifica per discesisti, ma le polemiche seguite ai recenti tragici incidenti hanno consigliato di soprassedere.

G come Gimondi: il grande campione bergamasco, uno dei sei corridori ad aver vinto tutti e tre i grandi giri (tre volte il Giro d’Italia, e poi un Tour e una Vuelta).

H come hotel: tutto esaurito a Bergamo per l’arrivo della corsa rosa. Presi d’assalto gli alberghi, dai cinque stelle fino ai b&b. Il valore generato dal passaggio del Giro nelle città è di circa 110 milioni di euro: 76 milioni generati nel lungo periodo, 34 nel breve.

I come Ivan: dopo Gimondi e Savoldelli, Gotti è un altro bergamasco ad aver vinto il Giro d’Italia. Addirittura due volte, nel ’97 e nel ’99.

J come Jungels: il corridore del Lussemburgo è uno da tenere d’occhio. Anche se gli appassionati bergamaschi avrebbero preferito applaudire Fabio Aru.

K come Kanstantin Siutsou: bielorusso cresciuto nella Palazzago e ormai bergamasco a tutti gli effetti. Corre per il Team Sky.

 

 

L come lunedì: il 22 maggio la carovana rosa riposerà a Bergamo, prima della ripartenza da Rovetta, il giorno dopo. Per regolamento al Giro i giorni di riposo sono due. Quest’anno tre, causa isole.

M come Michele: i corridori stanno risalendo l’Italia scortati dal ricordo di Michele Scarponi. Il Giro numero 100 gli ha dedicato la salita del Mortirolo. Che si scala da Monno.

N come Norma: la figlia di Felice Gimondi sperava di assistere alle tappe bergamasche in veste di prima presidente donna della Federazione. Non ci sarà una prossima volta, non per Norma.

O come Orica Scott: la squadra australiana ha un team manager bergasco, Vittorio Algeri.

P come Presolana: una delle grandi montagne della tradizione bergamasca dimenticata dal Giro numero 100.

Q come quindicesima: è la tappa che domenica 21 porta il Giro a Bergamo. Negli ultimi 80 km i corridori dovranno scalare quattro salite in successione più la Boccola, in prossimità dell’ar – rivo in piazza Matteotti.

 

 

R come Rovetta: da qui partirà la seconda tappa bergamasca, martedì 23 maggio. 222 km, fino a Bormio.

S come Santini: il nome della maglia rosa. L’azienda bergamasca veste il leader della corsa e tutti gli altri leader delle classifiche al Giro. T come Tiralongo, siciliano di Avola trapiantato ad Almenno San Bartolomeo dal 1993. È il corridore più vecchio con i suoi 39 anni.

U come unici: gli studenti delle scuole primarie e secondarie dell’altopiano di Clusone che, in occasione del passaggio del Giro, indosseranno 600 magliette rosa con lo slogan: “Fai girare la pace”.

V come Villella: Davide, al Giro per cacciare tappe e magari entrare nella fuga giusta, è una delle speranze del ciclismo bergamasco.

W come woman: Mi re l la Pontiggia, comandante della sezione di Bergamo della Polizia Stradale e caposcorta della spedizione rosa.

X come raggi X: l’edizione numero 100 prevede due cronometro individuali, 6 frazioni per velocisti, 8 di media e 5 di alta montagna.

Y come Yates, uno dei due gemelli: in questo caso Adam, quarto all’ultimo Tour de France, uno dei contendenti di questo Giro. Ne abbiamo parlato per un motivo semplice: trovatela voi un’altra voce che cominci con Y.

Z come Zogno: qui nacque il 17 maggio 1908 Antonio Pesenti, corridori bergamasco che vinse il Giro d’Italia nel 1932 davanti al belga Jef Demuysere.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.