Mozzo capofila di un progetto
per valorizzare territorio e prodotti

Nasce Bergamo Smart Land: come recita il bando provinciale della rete dell’intelligenza sociale e dell’innovazione diffusa. Capofila di uno dei progetti è il Comune di Mozzo, con il supporto del Biodistretto dell’agricoltura al quale Mozzo ha aderito nel 2016, insieme a Bergamo, Ranica, Ponteranica, Villa di Serio e  Scanzorosciate. “Bio Policy Food Land” è il progetto che promuove consolidamento, connessione e crescita di buone pratiche innovative per aziende e cooperative agricole, per lo sviluppo di una economia a impatto sociale positivo attraverso il coordinamento di incubatori culturali, piattaforme di welfare aziendale, marketing territoriale e turismo enogastronomico sostenibile con partner pubblico il Parco dei Colli. Progetto finanziato in parte dalla Provincia e da sponsor aziendali del territorio provinciale di Bergamo (settori interessati: ristorazione e ricezione, welfare aziendali, vettori del turismo).

 

 

«Il progetto – spiega il sindaco di Mozzo, Paolo Pelliccioli – è un gancio fondamentale per lavorare e perseguire obiettivi verso una sostenibilità ampia che guarda al consumo responsabile, ai prodotti di qualità e all’economia solidale. Una filiera corta dove ci sono aziende e cooperative del territorio che promuovendo i propri prodotti o servizi ampliano la conoscenza al mercato. Essere garante e promotore di queste logiche volte alla sempre più crescente domanda di mercato del benessere e di stili di vita salutari. Dall’altro lato, lo sviluppo di queste attività consente di andare incontro a persone svantaggiate che non…

 

Per leggere l’articolo completo rimandiamo a pagina 36 del BergamoPost cartaceo, in edicola fino a giovedì 13 giugno. In versione digitale, qui.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.