Nuova stagione, stesso entusiasmo

Un mese e mezzo dopo, nello stesso posto e con lo stesso entusiasmo. L’Atalanta 2017-2018 si è presentata al suo pubblico allo stadio di Bergamo e sono arrivati in diecimila a caricare Gasperini e i suoi ragazzi. La stagione del ritorno in Europa è iniziata ufficialmente da alcuni giorni con il ritiro di Rovetta, ma la scintilla che avvia il motore nerazzurro è l’abbraccio dei giocatori con i tifosi: ancora una volta, forse come mai era successo prima, lo stadio di Bergamo ha risposto presente.

Curva Piena, oltre diecimila i presenti. Nonostante il caldo e i molti tifosi in vacanza, fin dalle 15 sono stati tantissimi i sostenitori arrivati nell’impianto di viale Giulio Cesare per dare la stura alla stagione degli orobici. Nella parte alta della Curva, uno striscione di almeno sessanta metri recitava: “Come il fuoco che ha illuminato le mura della nostra città, insieme viviamo questo sogno diventato realtà”, a testimonianza di come tutto l’ambiente abbia una voglia totale di vivere insieme al gruppo la tripla avventura in campionato, Europa League e Coppa Italia. A ridosso delle 16, orario d’inizio fissato dalla società per la presentazione all’americana con i giocatori chiamati ad uno ad uno, il grosso dei tifosi ha fatto il suo ingresso in Curva e ben presto sono stati aperti anche i Distinti Nord e la tribuna Ubi Banca, per consentire a tutti di seguire al meglio l’ingresso dei protagonisti. I ragazzi in balconata, fin dai primi cori, sono riusciti a trascinare tutto il pubblico grazie anche all’ausilio di tamburi e megafoni per un clima che ha immediatamente colpito i giovani e i nuovi arrivati.

 

 

La sfilata dei protagonisti: ovazione per Gomez. Dopo il ricordo del presidente Ruggeri, di Federico Pisani e di Pier Mario Morosini, la chiamata all’americana dei giocatori è iniziata con il giovane Bastoni per terminare con l’under 20 Vido. In mezzo tanti applausi per il nuovo fantasista Ilicic e per il vichingo Cornelius, senza dimenticare i protagonisti della grande cavalcata che ha riportato la Dea in Europa: Masiello, Spinazzola, Freuler, Kurtic e Toloi sono stati tra i più osannati, mentre i compagni appena arrivati (tutti gli stranieri oltre ai giovani italiani appena sbarcati a Bergamo) osservavano divertiti. L’ultimo giocatore ad entrare in campo è stato il numero 10 Papu Gomez, mano nella mano con il figlio Bautista. Il capitano e capocannoniere nerazzurro è stato sommerso letteralmente dal boato della folla e dagli applausi segno di come il suo rinnovo di contratto sia considerato dall’intera tifoseria il miglior acquisto della stagione. Le sue parole, semplici e molto dirette, hanno ribadito la grande voglia di iniziare una cavalcata attesa anche dal gruppo con grande emozione.

 

 

Gasperini e Percassi: la carica dei condottieri. Finita la lunga lista di giocatori è toccato allo staff tecnico e medico, con il pubblico molto generoso negli applausi per tutti. La seconda grande ovazione di giornata è toccata all’uomo che dal baratro e dalla paura della serie B (dopo Atalanta-Palermo) ha svoltato in modo clamoroso trascinando l’Atalanta in Europa. Mister “72 punti” Gian Piero Gasperini è entrato in campo con i tifosi in tripudio, i diecimila del Comunale lo hanno virtualmente abbracciato chiamandolo anche al saltello con la Curva. «Vedo che siete già belli caldi. Lo siamo tutti, per una grande stagione da vivere al massimo» ha commentato il tecnico di Grugliasco, prima che la scena fosse rubata dalla sfilata dei dirigenti e, per ultimo, dal presidente Antonio Percassi.

 

 

Balletto e saluto a tutti i giocatori a parte, il numero uno della società ha ringraziato i presenti e messo in fila i tre grandi obiettivi raggiunti l’anno scorso: «Siamo per la settima volta consecutiva in Serie A, entreremo in gioco in Coppa Italia negli ottavi e dopo tanti anni torneremo in Europa. Per noi è una stagione molto importante, stateci vicini perché i momenti brutti ci saranno e proprio lì avremo bisogno di voi. Forza Atalanta!». E noi ci saremo, come sempre.

 

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.