Stazione, spunta il villaggio natalizio
Novità di quest’anno: c’è il Babbo

Le casette di legno fornite di strenne sono una conditio sine qua non dell’avvicinamento al Natale. Poi ci sono le case di Babbo Natale, chiaro, a chiudere il cerchio. Partiamo dalla città per un appuntamento ormai tradizionale: domani torna il mercatino di piazzale degli Alpini. Villaggio di Natale, si chiama. Un mix di colori, profumi e sapori, dal cibo ai prodotti locali, fino all’artigianato. Novità di quest’anno, la presenza dal 16 dicembre, anche qui, di Babbo Natale. A fare da contorno numerosi eventi collaterali come l’esibizione di musicisti di strada con zampogne e cornamuse. La notte del 24 tradizionale messa della vigilia celebrata dalla Caritas; a seguire panettone e spumante per tutti.

In montagna, sedicesima edizione per il Natale della Presolana, a Castione, con trenta espositori. Si comincia con i weekend del 18-19 e 25-26 novembre e si replica poi il 2-3 dicembre, durante il ponte del 7-10 dicembre e il 16-17 dicembre.

Infine, il lago (d’Iseo). Un Babbo Natale domani sbarca a Palazzo Tadini per accogliere i bambini. La sua casa sarà aperta sino al 26 dicembre (dalle 14 alle 18 sabato e festivi, ma anche venerdì 8 e martedì 26 dicembre).

«Il nostro progetto – sottolinea Mauro Abbadini, titolare della Fattoria Didattica Ariete di Gorno e ideatore della casa – giunge all’undicesima edizione e mantiene la propria struttura a misura di bambino. Dopo gli inizi in Valle del Riso, a Gromo e Clusone in Alta Valle Seriana, e gli ultimi tre anni nelle Cinque terre della Val Gandino, abbiamo ritenuto di proporre l’evento a Lovere, non a caso indicato fra i “Borghi più belli d’Italia”. In tanti anni non abbiamo mai pensato a un mero servizio a pagamento, ma sempre e solo al piacere appassionato di evocare nei bambini uno stupore senza tempo».

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.