Cosa c’è nel nuovo BergamoPost
che dal 28 dicembre è in edicola

Pochi giorni, una manciata di ore e il 2018 lascerà spazio al 2019. Manca sempre meno, ma abbastanza per permetterci di venirvi a trovare in edicola con il nuovo numero di BergamoPost, l’ultimo di questi dodici mesi. Un numero un po’ meno “pesante” del solito (di mezzo c’è stato anche il Natale), ma certo non meno carico di notizie e curiosità. Leggere per credere.

 

 

Anche quest’anno, come da tradizione, abbiamo deciso di eleggere quelli che, a nostro parere, sono i bergamaschi dell’anno. Ne abbiamo scelti sette, appartenenti a diversi settori: società, politica, sport, cultura e imprenditoria. Per la politica, poi, il punto sulla scelta del candidato sindaco di Bergamo da parte del centrodestra, ma anche l’atto vandalico “di Natale” condiviso dai NoParkingFara. E ancora: una lettera da Foppolo dopo il nostro articolo di due settimane fa; il bilancio dei mercatini di Natale in città; un’incredibile villa in vendita ad Almenno San Bartolomeo. Per le pagine di Atalanta, la presentazione dell’ultima partita del girone di andata con il Sassuolo, il caso Rigoni e i momenti migliori e peggiori del 2018 nerazzurro. E poi la pallavolo (che non si ferma), il basket (che invece si ferma) e la stagione degli sport invernali che vede Bergamo super protagonista con Sofia Goggia e Michela Moioli. Per le pagine di Tempo Libero, grandi protagonisti sono ovviamente gli appuntamenti di fine anno: vi offriamo una guida completa e totale al Capodanno. In Provincia: a Ponte San pietro è polemica per la realizzazione della centralina sul Brembo; a Treviolo il bel gesto di alcune mamme che hanno deciso di aiutare… altre mamme; a Dalmine abbiamo chiesto agli esponenti dei vari gruppi politici (tutti, ma proprio tutti) cosa sognano per l’anno che verrà e per la loro comunità; a Osio Sotto il giallo delle statuine del presepe sparite; il futuro dell’ex Matto Matteo a Stezzano; il nuovo stadio dell’Albinoleffe a Zanica: ecco come sarà; a Seriate è polemica sulla gestione del cimitero; la triste “morte” della storica edicola Buona Stampa ad Albino; ad Alzano c’è il bellissimo progetto della nuova scuola, ma ci si chiede chi la utilizzerà… Questo è soltanto un assaggio di ciò che trovate sul nuovo numero di BergamoPost. Speriamo di trovarci in edicola, intanto però vi auguriamo un buon Capodanno e vi facciamo i migliori auguri per l’inizio del 2019. Ci si legge l’anno prossimo!

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.