Osio Sopra, la prima squadra
tutta per i ragazzi del paese

A Osio Sopra parlare di Polisportiva significa parlare di un pezzo di storia del paese. Una realtà presente già nel 1968 che arriva quest’anno al traguardo delle 50 candeline, tra sport, solidarietà, aggregazione con i ragazzi e la comunità osiense. Una società che, grazie ai molti volontari presenti e alla sua storica Festa dello Sport, riesce a portare avanti diverse discipline sportive come la pallavolo, il calcio, il tiro con l’arco, il fit & dance e la bocciofila. Forse per un caso, o forse per destino, a cinquant’anni dalla sua fondazione la Polisportiva di Osio Sopra ha deciso, nella stagione 2018/2019, di dare vita a un progetto coltivato nel tempo e cresciuto con l’associazione stessa fino a oggi.

L’inizio. «Sette anni fa, nell’estate del 2011, sono diventato presidente della Polisportiva di Osio Sopra – racconta Giovanni Ferrari –. Tutte le squadre di calcio erano rappresentate da ragazzi osiensi, ma quelli che completavano tutto il percorso, partendo dalla giovane età fino alla prima squadra, erano sempre meno». «Quando abbiamo intrapreso questa avventura – ricorda Matteo Testa, vicepresidente della società – ci siamo detti che era importante riuscire a creare un percorso, da sviluppare negli anni, finalizzato a costruire una prima squadra composta prevalentemente da ragazzi del paese. Da qua abbiamo iniziato un lungo processo con gli allora Esordienti, che già dimostravano senso di aggregazione e appartenenza alla società, senza lasciarsi deviare da altre “avventure esterne” di pari livello.

 

 

Il mister e una squadra per e del paese. Due anni or sono, arrivati alla categoria Juniores, abbiamo coinvolto un nuovo Mister, Stefano Bruletti, ritenuto in grado di supportarci in questo progetto e di traghettare questo gruppo verso la Prima Squadra. Stefano ha quindi preso per mano questi ragazzi, insieme ad altri volontari della società, preparandoli per diventare la squadra di punta dell’Osio Sopra». «Quest’inverno, prima di Natale, abbiamo riunito tutti i ragazzi che fanno parte di questo progetto e abbiamo spiegato loro quale era il nostro obiettivo: farli esordire in prima squadra, nel campionato di Terza categoria – continua Giovanni Ferrari –. Circa l’80 per cento è residente a Osio Sopra, in una fascia d’età compresa tra i 18 i 20 anni, quindi sono tutti ragazzi giovanissimi. Spiegato il progetto abbiamo chiesto loro di continuare a farne parte mettendo in campo impegno, costanza e dedizione. Siamo arrivati a fine stagione soddisfatti, chiudendo con un buon…»

 

Per leggere l’articolo completo rimandiamo a pagina 44 di Bergamopost cartaceo, in edicola finogiovedì 5 luglio. In versione digitale, qui.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.