Sunday Morning, buona musica
alla domenica mattina

L’appuntamento è fissato per domenica mattina. E nonostante sia l’unico giorno in cui si possa dormire, ci sarà un ottimo motivo per sgusciare fuori dalle coperte. Il motivo si chiama Sunday Morning ed è il primo esperimento di questo tipo mai realizzato a Bergamo; perché consiste in un vero e proprio concerto, eseguito nella cornice della nuova libreria Incrocio Quarenghi (via Quarenghi 32). Ad occupare la scena in questo insolito orario mattutino sarà Tritha, una delle più promettenti cantanti indiane, ora in tournée in Europa in compagnia di due musicisti francesi. L’artista unisce le sonorità della tradizione indiana al rock progressivo francese, due elementi distanti la cui somma garantisce un risultato sorprendentemente pop.

Come nasce l’idea. Il Sunday Morning nasce dalla volontà e dal bisogno di offrire a Bergamo qualcosa che fosse diverso, sia dal punto di vista dell’appuntamento (10.30 di mattina) sia dal punto di vista della scelta musicale. Lo spirito che ha mosso il progetto si fonda sull’idea che «fare le cose la mattina a volte è meglio, perché far le cose la sera è più stancante. La mattina, in fondo, ha l’oro in bocca».

Avrebbe dovuto essere un appuntamento “al buio”… Il progetto segue in realtà le orme dell’Invisible Show, un format che da ormai tre anni organizza a Bergamo, con la collaborazione di CTRL Magazine, eventi per così dire, invisibili, o perlomeno quasi. Significa che il luogo dell’evento è segreto, e viene reso noto soltanto a chi abbia assicurato la sua presenza tramite prenotazione (per mail o tramite chiamata). Un’offerta certamente diversa da quella classica, in cui si punta a stuzzicare e incuriosire il pubblico, che assisterà allo spettacolo con la consapevolezza di essere di fronte ad un’esibizione selezionata e fuori dagli schemi ordinari. Una ricerca di spettatori inusuale e basata sul fatto che «non importa che l’utenza sia 10 o sia 100. Quello che conta davvero, è che sia un pubblico interessato e presente per davvero».

…In un posto che sembra casa. Diverso, per questa tipologia di format, è anche il contesto che viene ricostruito attorno all’evento: seguendo l’esempio degli House Show, l’obiettivo è quello di ricreare uno spazio accogliente, familiare tanto per l’artista (che si esibisce senza salire sul palcoscenico, per sottolineare la posizione di parità), quanto per il pubblico, garantendo la minima attenzione dei particolari e la preparazione di cibo in casa (che solitamente è vegetariano, poiché la maggior parte degli artisti contattati segue questo stile alimentare) .

Invece è una bella sveglia domenicale. E in occasione del Sunday Morning, che dunque non ha nulla di invisible ma punta a sfruttare tutto il potere della luce del giorno, le regole sono cambiate: infatti, l’indirizzo è noto e non si hanno scuse per restare a dormire. Sbirciare le copertine dei libri con un sottofondo musicale semi-acustico, regalerà un’esperienza piacevolmente suggestiva. Per chi è ancora in dubbio, potrebbe essere utile sapere che tutto il contesto sarà condito da un buffet-colazione, per allietare il risveglio.