Cinque servizi utili quest’estate
se il vostro medico è in vacanza

D’estate capita anche questo: che il proprio medico di fiducia sparisca dalla circolazione e se ne vada in vacanza. Come ogni altro essere umano. Ma il solo pensiero preoccupa soprattutto gli anziani, che restano in città e si sentono preda facile dei loro possibili malesseri, spesso associati alla alte temperature, o di qualsiasi altro cittadino senza una guida sanitaria di riferimento in uno dei periodi più critici dell’anno. La buona notizia è che, comunque, anche in mancanza del medico di famiglia, in estate non si è soli: la città offre e garantisce servizi assistenziali altrettanto validi ed efficienti, fino al ritorno del medico titolare.

A prescindere dalle ferie del proprio medico, un’assistenza sanitaria per le problematiche di ordine quotidiano e anche per quelle un po’ più serie c’è sempre. Perché dietro la porta dello studio del proprio medico, una presenza referenziata in carne e ossa è presente. Esistono cinque servizi che tutelano il paziente h24 e 7 giorni su 7.

 

 

  • Il sostituto. È la prima persona cui bisogna rivolgersi poiché è il nominato dal proprio medico curante, cioè colui che in sua vece sarà reperibile tutti i giorni, dal lunedì al venerdì, esclusi i festivi se non in caso di necessità, dando consigli, assistenza e disponibilità a tutti i pazienti.
  • Il servizio ambulatoriale. Mettiamo il caso che per una ragione qualsiasi il sostituto non sia lì per voi, niente paura perché l’alternativa sanitaria e assistenziale c’è. Infatti le regioni mettono a disposizione sul territorio, dunque anche all’interno della della ASL di propria pertinenza, spazi di salute. Ovvero degli ambulatori dedicati al cittadino, attivi secondo le modalità stabilite dalla struttura stessa. Un esempio? Le Case della Salute cui, si aggiungono diverse altre opportunità.
  • La guardia medica, anche chiamato continuità assistenziale del territorio di residenza, perché assicura ciò che serve laddove il medico o gli altri servizi non arrivano. Ovvero dà assistenza al cittadino quando il malessere arriva nei giorni di festa o nelle ore notturne: infatti il servizio comincia la sua attività alle ore 20 di tutti i giorni feriali e continua fino alle ore 8 del mattino successivo, mentre il sabato e la domenica opera dalle 10 del sabato fino alle ore 8 del lunedì mattina. Con una tutela anche nei giorni di festa, compreso quando le ricorrenze cadono in giorni diversi dalla domenica, come il Ferragosto ad esempio, quando la guardia medica può essere contattata ininterrottamente dalle ore 10 del giorno prefestivo fino alle ore 8 del primo giorno non festivo.

 

 

  • Il servizio di emergenza sanitaria. È la soluzione in caso di malori improvvisi o di contesti in cui le condizioni della persona posso fare temere il peggio. Per attivarlo basta comporre il numero 118 e l’équipe medica o paramedica, ambulanza compresa, arrivano in velocità.
  • I servizi utili al cittadino. È un’opportunità verde che ogni estate Regioni, Comuni, aziende sanitarie, in collaborazione con le organizzazioni del volontariato sociale, rendono attiva e disponibile per tutta la popolazione, fornendo informazioni basiche di tutela e prevenzione contro rischi e malesseri evitabili, fra questi il colpo di calore ad esempio. Per avere indicazioni precise sui servizi sociosanitari presenti sul territorio, è sufficiente chiamare il numero di pubblica utilità 1500 del Ministero della Salute, il quale ha messo a disposizione sul proprio sito anche una mappa dei servizi attivi sul territorio nel periodo estivo, regione per regione, e specifiche competenze.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.