Ecco la “sartorata” nerazzurra
È quasi fatta per Nicolas Haas

Nei giorni in cui tutti si preoccupano delle voci su Kessiè, Conti e Gomez, filtrano indiscrezioni importanti in casa Atalanta. Ancora una volta, prendendo tutti in contropiede, i dirigenti orobici hanno lavorato sotto traccia e altri due giovani di prospettiva sono prossimi a vestire la maglia della Dea. Uno sicuramente dalla prossima estate, l’altro magari più avanti ma quello che conta davvero è il comune denominatore di certe operazione: si chiama programmazione.

 

 

Ecco il nuovo Freuler: Nicolas Haas. Stando alle voci che abbiamo raccolto, nei giorni scorsi l’Atalanta ha definito l’ingaggio del centrocampista svizzero Nicolas Haas del Lucerna. Il ragazzo classe 1996 arriverà a Bergamo a titolo definitivo e da svincolato, il suo contratto con la formazione svizzera scade il 30 giugno 2017 e dopo essere stato seguito e visionato come sempre accade in questi frangenti dagli addetti ai lavori orobici la società ha deciso di accelerare. Secondo le indiscrezioni, Haas sarebbe già stato a Zingonia e non ci sono molti dubbi sul suo ingaggio: il giocatore, secondo la stampa svizzera, piaceva anche a Betis Siviglia, Galatasaray e Werder Brema. Il ragazzo, nel giro dell’Under 21 rossocrociata, è molto giovane (stessa età di Kessiè) ma ha già maturato una discreta esperienza nella massima divisione svizzera. Con 53 presenze e 2 gol oltre a 6 assist e 3.037 minuti giocati nel Lucerna, Haas da due stagioni è stabilmente nel giro della prima squadra elvetica e la scorsa estate ha già incrociato una squadra italiana: nel turno di qualificazione ai gironi di Europa League, il centrocampista ha giocato tutte e due le partite del Lucerna contro il Sassuolo.

 

 

Le caratteristiche di Haas: un Freuler più intraprendente. Dal punto di vista tattico, il classe 1996 svizzero assomiglia molto a Remo Freuler, ma ha più propensione alla spinta e quindi all’inserimento in avanti. Il suo arrivo dovrà essere forzatamente valutato in prospettiva anche perché lo stesso Freuler prima di affermarsi come splendido sostituto di Gagliardini ha passato alcuni mesi di ambientamento. L’ingaggio ormai prossimo del giovane nazionale under 21 svizzero servirà per completare il pacchetto di quattro centrocampisti centrali a disposizione di Gasperini con Freuler, Cristante e il brasiliano Schmidt in rosa per la prossima stagione. Dal punto di vista economico, nonostante un bilancio clamorosamente sistemato dalle cessioni eccellenti, l’Atalanta continua con la sua filosofia: si seguono centinaia di partite, si vedono giocatori più e più volte e poi si stringe quando un obiettivo viene collegialmente ritenuto all’altezza della situazione. Con costi da Atalanta e investimenti ponderati. È accaduto con de Roon, poi con Freuler, poi con Hateboer e ora si prova con Haas e Cornelius.

 

 

Cornelius decide la coppa di Danimarca: doppietta. A proposito di Cornelius, l’attaccante già ufficializzato dall’Atalanta attualmente in forza al Copenaghen si è reso ancora una volta protagonista con una bella doppietta che ha permesso ai suoi di battere per 3-1 il Brondby allo stadio Telia Parken. Il centravanti danese ha messo a segno due reti di sinistro, entrambe da posizione molto defilata ma decisamente diverse dal punto di vista tattico: nella prima occasione Cornelius ha superato il diretto avversario con una bella progressione insaccando di giustezza sul palo più lontano, nel finale di gara lo stesso ariete del Copenaghen ha saltato anche il portiere facendo gol quasi dalla linea di fondo.

 

 

Gian Filippo Felicioli, un esterno mancino per il futuro. Il direttore dell’area tecnica Giovanni Sartori è stato avvistato a Casa Milan nel pomeriggio di ieri e oltre ai soliti nomi si è parlato anche del giovane classe 1997 cresciuto nel vivaio del Milan, Gian Filippo Felicioli. Il ragazzo ha giocato, ad Ascoli, 21 partite in questa stagione, ma un infortunio alla spalla lo ha costretto a restare fuori dall’inizio di aprile. L’Atalanta vuole tesserarlo con l’obiettivo magari di mandarlo ancora a giocare in Serie B. Il titolarissimo della Dea in quel ruolo è Spinazzola ma a giugno 2018 il giocatore tornerà alla Juve, nelle scorse settimane si è fatto il nome del tedesco Robin Gosens (classe 1994) in forza agli olandesi dell’Heracles e non è escluso che sia proprio lui l’alternativa al numero 37 di Foligno ma nel frattempo i dirigenti orobici si stanno già preparando al futuro. Particolare importante: Felicioli è di San Severino Marche, la stessa cittadina da dove arriva Giacomo Bonaventura.

Lascia un commento

Devi loggarti per pubblicare un commento.